Fiera – Ospedale Sesto, Gallera: Bussolati non sa, da Regione no decisioni

fiera ospedale sesto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“Su Fiera e Ospedale di Sesto, Bussolati non è informato. O forse non ha ancora digerito la straordinaria utilità dell’ospedale in Fiera. Regione Lombardia, infatti, sui servizi e le prestazioni dell’Ospedale di Sesto San Giovanni non ha assunto alcuna decisione in merito al Pronto soccorso e sul punto nascita”. L’assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, risponde così al consigliere regionale del Partito Democratico, Pietro Bussolati.

Pazienti più gravi, in Fiera maggiore sicurezza ed efficacia cura

“L’organizzazione della Fiera – spiega l’assessore al Welfare – permette di concentrare e accogliere i pazienti più gravi aumentando la sicurezza e l’efficacia della cura. La struttura sarà gestita dagli ospedali Hub, ciascuno dei quali ‘adotta’ un modulo, garantendo la presenza di personale qualificato sulla base del numero delle persone ricoverate.

Stretta collaborazione tra gli ospedali Hub e Spoke

“È naturale – prosegue Gallera – che in questo contesto gli ospedali Spoke ‘supportino’ gli Hub in questo percorso. Da un lato attivandosi per accogliere i pazienti meno gravi, dall’altro fornendo personale qualificato per la gestione delle terapie intensive”.

Nessun documento regionale ha stabilito alcuna chiusura

“Sottolineo – aggiunge l’assessore – che non ci sono documenti della Giunta o della Direzione generale Welfare che stabiliscano la chiusura del punto nascita o del pronto soccorso dell’ospedale di Sesto San Giovanni”.

Ogni struttura sanitaria lombarda impegnata a rispondere ai bisogni

“Vorrei ricordare a Bussolati che ogni struttura sanitaria lombarda – precisa Gallera – sta rimodulando la propria attività per rispondere in modo adeguato alle esigenze di ricovero e di cura che propongono, continuando a garantire prestazioni non differibili, oppure legate alle attività oncologiche e alle reti tempo-dipendenti”.

Gli ospedali stanno lavorando all’unisono

“Gli ospedali – conclude l’assessore al Welfare – lavorano infatti all’unisono, anche con equipe multidisciplinari e interaziendali. Ciò in ottemperanza al piano ospedaliero regionale approvato dalla Giunta il 16 giugno scorso, validato dal Governo due settimane dopo”.

gal

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

coronavirus casi Lombardia
Ti interessa l'aggiornamento quotidiano della vaccinazioni? Clicca
sorveglianza Pronto Soccorso
Regione Lombardia è pronta ad attivare servizi di guardia giurata e videosorveglianza a protezione del personale nelle strutture ospedaliere e ambulatoriali, in particolare nei Pronto Soccorso deg ...
vaccinazione-covid-lombardia
Vaccinazioni anti-Covid, i dati di venerdì 12 agosto. Somministrate 24.528.181 dosi
scelte revoca medico farmacia
Bilancio ad un mese del nuovo servizio di Regione Lombardia per la scelta e revoca del medico di base in farmacia Numeri importanti per il nuovo servizio di scelta e revoca del medico di b ...
Stanziati 500.000 euro per sensibilizzare cittadini Sangue, da Regione e Areu impulso alla raccolta.  Ammonta al  10% l'incremento mens ...
vaccino scimmie prenotati
Alle ore 17.30 del 10 agosto sul portale regionale, hanno prenotato il vaccino contro il vaiolo delle scimmie 1.421 cittadini. Sommini ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima