Fotografia, Galli: 180.000 euro per valorizzare museo a Cinisello Balsamo

museo Cinisello
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Ammonta a 180.000 euro il contributo di Regione Lombardia alla Fondazione Museo Fotografia Contemporanea, che ha sede a Cinisello Balsamo (Milano). È finalizzato alla valorizzazione, manutenzione, conservazione e studio del materiale fotografico e librario ‘Lanfranco Colombo‘, ‘Federico Patellani‘ e ‘Klaus Zaugg‘. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale e proposta dell’assessore all’Autonomia e Cultura, Stefano Bruno Galli.

Assessore Galli: struttura unica nella sua particolarità

“Crediamo molto in questa importante struttura museale – ha dichiarato l’assessore Galli – tant’è che per la sua  particolarità è unica in Italia. I fondi stanziati da Regione Lombardia abbracciano il quadriennio 2022 – 2025 (45.000 euro l’anno). Il Mufoco ha riaperto lo scorso 22 ottobre e prossimamente ospiterà iniziative di grande valore. Tutto ciò  grazie alle comprovate capacità del nuovo presidente, Davide Rondoni. È un luogo ricco di arte e di cultura e anche per questo merita tutte le nostre attenzioni”.

Museo di Cinisello dedicato a fotografia contemporanea

Il Museo di Fotografia Contemporanea opera dal 2004, anno della sua inaugurazione, nella sede di Villa Ghirlanda, a Cinisello Balsamo. Unico museo pubblico in Italia dedicato alla fotografia contemporanea, è una struttura attiva nel campo della conservazione, catalogazione, studio e divulgazione della fotografia. Particolare attenzione dedica alle profonde trasformazioni tecnologiche in atto e al rapporto fra la fotografia e le altre discipline espressive.

Oltre 2 milioni le opere fotografiche al museo

Il patrimonio fotografico del Museo comprende oltre 2 milioni di opere fotografiche, tra stampe in bianco e nero e a colori, diapositive, negativi, video, installazioni. Il Museo, in particolare,  custodisce la più grande biblioteca specialistica in fotografia esistente in Italia e una delle maggiori in Europa. Conta, infatti, 20.000 volumi e riviste, provenienti da acquisti, scambi con altre istituzioni e da numerose donazioni di privati. La Fondazione Museo Fotografia Contemporanea è composta dagli enti fondatori Comune di Cinisello Balsamo e Città metropolitana di Milano. Regione Lombardia e Ministero della Cultura sostengono invece l’istituzione.

Lanfranco Colombo

Il ‘Lanfranco Colombo’ è costituito da un fondo librario specialistico suddiviso nella sezione monografie con 7.504 titoli di pubblicazioni sulla fotografia edite nel XX secolo. Nella sezione periodici ci sono invece 143 testate e un fondo fotografico comprendente 37.254 unità.

Federico Patellani e Klaus Zaugg

Il ‘Federico Patellani’, invece, è composto da circa 597.020 unità (con prevalenza di negativi e diapositive). A queste si aggiungono anche  14.750 stampe in bianco e nero, 175 album provini. Il fondo ‘Klaus Zaugg’, infine, è composto da circa 65.000 unità.

Ottimizzato per il web da:
emanuele vertemati

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Ognigiorno inLombardia
Regione Lombardia ha stanziato per 'Bergamo Brescia Capitale della Cultura 2023' quasi 12 milioni di euro. È il dato che emerge dalla presentazione delle opere finanziate con fondi regionali, effe ...
bergamo brescia abbonamenti musei
L'associazione Abbonamento Musei ha presentato a Palazzo Lombardia l'edizione speciale di Abbonamento Musei Lombardia per il 2023 pensata appositamente per ...
Gli archivi storici nella biblioteca Tremaglia
Gli archivi storici di Regione Lombardia potranno essere liberamente consultati anche durante il periodo delle festività. Questo grazie alla
Quattro eventi speciali per animare ulteriormente il programma Natalizio proposto da Regione Lombardia. Ad ospitarli, con ingresso gratuito fino a esaurimento posti, sarà il 14, 15, 19 e 20 dicemb ...
grafia idiomi lombardi
Una corretta grafia per i dialetti lombardi, obiettivo: poter realmente confrontare 'parlate' differenti tra loro.  
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima