Covid, 32,4 milioni aiuti a famiglie in difficoltà. Contributi di 500 euro

aiuti famiglie
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Approvato il bando ‘Protezione Famiglia’, domande al via dalla seconda metà di aprile

Uno stanziamento di 32,4 milioni di euro per aiuti a famiglie in difficoltà a causa del Coronavirus, con figli minori, rispondendo ai bisogni di natura socio-economica legati al perdurare della situazione emergenziale.
Lo prevede la delibera relativa all’attuazione del bando ‘Protezione Famiglia’ approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Alessandra Locatelli.

Famiglie in difficoltà per il Coronavirus

“Mettiamo a disposizione dei nuclei familiari – spiega Locatelli – un contributo a fondo perduto di 500 euro. Possono beneficiarne le famiglie con almeno un figlio minore, che maggiormente hanno subito le conseguenze della crisi pandemica e la compressione del reddito.

Sostegno economico

“Si tratta di un sostegno economico – aggiunge l’assessore – che in un momento di grave difficoltà, come quello che stiamo vivendo, può soddisfare alcuni dei bisogni più urgenti ed essenziali. La misura verrà applicata utilizzando l’algoritmo del ‘Fattore Famiglia’. In tal modo, nel riparto del contributo si potrà tener conto del numero dei figli”.

L’impegno di Regione

“Per Regione Lombardia quello assunto oggi – prosegue Locatelli – è un grande impegno economico. A conferma della volontà della Giunta di mettere al centro delle proprie politiche di sostegno le famiglie lombarde, con aiuti concreti e immediati. Anche grazie alla semplificazione dei requisiti di accesso e delle procedure di concessione. Le difficoltà e la gravità del momento storico attuale impongono, infatti una maggiore tempestività nell’agire e nell’attivazione di misure di sostegno specifiche”.

I destinatari

“Le risorse sono destinate a nuclei familiari con un Isee minore o uguale a 30.000 euro, che hanno registrato una riduzione dell’attività lavorativa. Sono inclusi anche i titolari di Partita Iva. Regione Lombardia – conclude Alessandra Locatelli – continuerà a lavorare anche nelle prossime settimane. L’obiettivo è mettere a disposizione risorse a favore delle attività estive di bambini e ragazzi. Ma anche per garantire un supporto ai tanti enti del terzo settore che si trovano in grave difficoltà”.

Le domande vanno presentate sul sito www.bandi.regione.lombardia.it a partire dalla seconda metà di aprile

dvd

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

coronavirus casi Lombardia
Ti interessa l'aggiornamento quotidiano della vaccinazioni? Clicca
vaccinazione-covid-lombardia
Vaccinazioni anti-Covid, i dati di martedì 9 agosto. Somministrate 24.511.354 dosi
coronavirus casi Lombardia
+++ I DATI DI VENERDÌ 29 LUGLIO, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 17 +++ Continuano a diminuire i ricoverati nei reparti (-26). A fronte di 39.578 tamponi effettuati, sono 6.847 i nuovi positivi ( ...
barriere architettoniche eliminazione lombardia
Vengono finanziati dal bando 51 progetti territoriali È stata pubblicata mercoledì 27 luglio sul Burl, il Bolle ...
graduatoria rifinanziamento bando e-state
Interessate le attività che riguardano bambini e ragazzi È stata pubblicata martedì 26 luglio sul Burl, il bol ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima