Lombardia Notizie / Welfare

Attacco hacker ai sistemi informatici dell’Asst Fatebenefratelli-Sacco

Attacco hacker Fatebenefratelli Sacco

Attacco hacker ai sistemi informatici dalle ore 3 di domenica 1° maggio, verso i presidi Ospedalieri e territoriali dell’ASST Fatebenefratelli Sacco. Per questo si sono verificati gravi problemi tecnici all’infrastruttura informatica aziendale.

L’attacco è stato rivolto alle infrastrutture dei siti Fatebenefratelli e Sacco e impatta sul funzionamento di tutte le sedi aziendali (Buzzi, Melloni e 33 sedi territoriali).

L’azione, che sta pesando su tutti i sistemi aziendali, ha attaccato i servizi di base dell’infrastruttura. Tutto ciò nonostante l’accrescimento delle misure di sicurezza poste in essere negli ultimi mesi.

Tecnici al lavoro per ripristinare sistemi

Tutti gli specialisti competenti stanno operando per tentare un ripristino dei sistemi che, tuttavia, stante l’entità, la portata e l’estensione, non ha al momento tempi definibili.

Allertata Polizia postale

Sono stati allertati anche i servizi di sicurezza informatica regionali e la Polizia postale, che hanno inviato sul posto i propri specialisti per supportare le attività dei tecnici. Sarà anche presentata denuncia agli organi competenti.

Disagi il 2 e 3 maggio

A causa di queste problematiche tecniche all’infrastruttura informatica aziendale, oggi 2 maggio e domani 3 maggio, i Pronto Soccorso e i Punti Prelievo dei presidi ospedalieri dell’ASST Fatebenefratelli Sacco (Fatebenefratelli, Sacco, Buzzi e Melloni) saranno in grado di accettare gli accessi dei pazienti in maniera limitata e solo attraverso modulistica cartacea.

Dirottati i casi di emergenza

Areu ha pertanto già provveduto a dirottare tutte le emergenze su altri presidi ospedalieri milanesi.

Garantite le visite prenotate

Per gli stessi motivi potranno esserci disagi anche nelle erogazioni delle prestazioni ambulatoriali negli ospedali e presso le sedi territoriali. Le visite ambulatoriali prenotate e le attività di pre ricovero sono comunque garantite.

Ulteriori precisazioni della DG Welfare

La Direzione Welfare, ripercorrendo le tappe che hanno portato a scoprire “il personale sanitario del Pronto Soccorso ha riscontrato un malfunzionamento sui sistemi informatici ed ha attivato il servizio di reperibilità dei Sistemi Informativi dell’ASST. Si è quindi deciso di intervenire direttamente sul posto dove erano state riscontrate le anomalie sull’infrastruttura applicativa dell’ASST,  interrompendo i servizi a protezione dell’intera infrastruttura e dei dati, considerato anche l’orario notturno.  Il disservizio è stato causato da un attacco informatico di tipo ‘ransomware’, con inutilizzabilità parziale dell’infrastruttura tecnologica”.

COME È STATA AFFRONTATA L’EMERGENZA

“La Direzione aziendale – si legge nella Nota – ha attivato le procedure di emergenza per limitare al minimo i disservizi per l’utenza. I Sistemi Informativi hanno avviato immediatamente le attività tecniche di analisi per determinare con certezza il ‘perimetro’ dell’attacco e i sistemi che sono stati resi indisponibili allo scopo di definire una strategia per il ripristino nel minor tempo possibile. Sul posto sono intervenuti, oltre al personale tecnico dell’ASST, anche gli specialisti di Aria Spa e i rappresentanti della Polizia postale e delle Comunicazioni che hanno supportato l’Azienda nella definizione delle strategie di intervento sia per rispristinare i servizi sia per agevolare le attività di indagine. Dalle attività di analisi è emerso che l’attacco ha riguardato l’infrastruttura applicativa che ha reso indisponibili i sistemi agli utilizzatori ma non si è estesa alle principali banche dati aziendali; al momento non si ha alcuna evidenza dell’avventa sottrazione di dati personali”.

STRATEGIA DI RIPRISTINO

“Individuata la tipologia e vastità dell’attacco – aggiunge la DG Welfare – è stata avviata la procedura di progressivo ripristino dei servizi. Le procedure di ripristino hanno comportato la reinstallazione completa degli ambienti di gestione applicativa e il progressivo recupero dei servizi dalle copie di backup che l’Azienda teneva su supporti dedicati e non intaccati dall’attacco. L’infrastruttura applicativa è stata rispristinata il giorno dell’attacco e gli ambienti applicativi specifici sono attualmente in fase di progressivo ripristino mettendo in atto ogni verifica necessaria ad assicurare la assoluta integrità e sicurezza dei sistemi. Tale attività è particolarmente delicata e richiede molta attenzione per mettere in condizione il personale di disporre dei servizi nel minor tempo possibile assicurandone la sicurezza. I primi servizi applicativi saranno ripristinati ed attivati progressivamente nel corso della corrente giornata”.

DANNI LIMITATI GRAZIE E AZIONI DELL’ASST  “I danni dell’attacco informatico – conclude la Nota – sono stati mitigati dalle azioni che l’ASST ha messo in atto nei mesi scorsi per innalzare il livello di sicurezza dei servizi attraverso l’implementazione di tecnologie specifiche e di procedure di backup adeguate. Tutte le ASST hanno ovviamente innalzato da tempo il livello di sicurezza informatica della propria infrastruttura attraverso interventi tecnologici mirati, il coordinamento con Aria Spa per la condivisione di servizio e ‘best practice’ e con iniziative di formazione e sensibilizzazione al personale dipendente. I tempi di ripristino relativamente limitati sono stati resi disponibili grazie alla notevole professionalità dimostrata dal personale tecnico dell’ASST, al supporto specialistico fornito tempestivamente da Aria Spa e al coordinamento con gli uffici regionali. Non sono state interessate altre strutture ospedaliere”.

red

 

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima