Banco Alimentare, Bolognini: coinvolgiamo ancora più aziende

fondo per autosufficienza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

"Cercheremo di coinvolgere ancora più realtà nel privato sociale e tra le aziende, perché la rete di generosità sia ancora più ampia. Ogni giorno distribuisce l'equivalente di 105 mila pasti e ogni euro donato permette al banco di distribuire 21 pasti. Numeri significativi e importanti, ma ci siamo detti che si può fare ancora di più e meglio". Lo ha spiegato l'assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini

“Cercheremo di coinvolgere ancora più realtà nel privato sociale e tra le aziende, perché la rete di generosità sia ancora più ampia. Ogni giorno distribuisce l’equivalente di 105 mila pasti e ogni euro donato permette al banco di distribuire 21 pasti. Numeri significativi e importanti, ma ci siamo detti che si può fare ancora di più e meglio”. Lo ha spiegato l’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini, che, oggi, ha voluto incontrare Dario Boggio, presidente dell’Associazione ‘Banco Alimentare’ della Lombardia, e Marco Magnelli, direttore della struttura brianzola. Il Banco il 3 marzo ha compiuto 30 anni.

SOLIDARIETÀ E NUMERI IMPORTANTI

Quest’anno la Colletta del Banco Alimentare è prevista il 30 novembre. Con questa giornata – che nel 2018 ha coinvolto circa 40.000 volontari – il Banco riesce a raccogliere il 10 per cento di quanto redistribuisce in un anno in Lombardia a chi ha bisogno. Cifre da record, che in un anno diventano importanti: 19.170 tonnellate di cibo distribuito, l’equivalente di 105 mila pasti al giorno per 365 giorni, 755 aziende fornitrici e 1.187 strutture caritative convenzionate. Il Banco Alimentare lombardo è operativo ogni giorno a Muggiò (MB) per sostenere la più grande iniziativa ‘sociale’ di ristorazione in Italia. “Una realtà importante per il contrasto dello spreco alimentare – ha commentato Bolognini – e al recupero delle eccedenze a fini caritativi. Regione Lombardia sostiene da anni, attraverso una legge specifica, questa attività. Tante le progettualità in vista, oggi abbiamo riflettuto su cosa si possa fare, ci sono tante iniziative e soggetti con cui fare ancora di più e meglio”.

COINVOLGERE ANCORA PIÙ AZIENDE

“L’aiuto di Regione Lombardia per noi è fondamentale – ha sottolineato il presidente Dario Boggio – per estendere la nostra esperienza coinvolgendo nuove realtà distributive e industriali, affinché lo spreco diventi sempre più dono. Vorremmo estendere le nostre esperienze migliori in tutta la Regione e aumentare la tipologia di raccolta. Ridurre gli sprechi e allargare l’offerta di cibo aumentando il numero delle merceologie”.

 

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Consigliati per te

alloggi Milano dipendenti
Valorizzare gli alloggi liberi e sfitti di proprietà del Comune di Milano assegnandoli in locazione a lavoratori dipendenti di aziende pubbliche e private; lavoratori con un Isee inferiore a 26.00 ...
Case Aler bolla cantiere
Procedono spediti i lavori presso le case Aler in via Bolla 26-36 a Milano, simbolo del percorso di riqualificazione che sta interessando l'intero quartiere: è quanto emerso dal s ...
Case Aler Contributo solidarietà
La Giunta di Regione Lombardia, in tema di case Aler,  ha approvata la delibera 'Contributo regionale di solidariet ...
Case Aler Monza
La riqualificazione delle case Aler di Monza è firmata dallo studio Stefano Boeri Architetti. Efficientamento energetico e riqualificazione ar ...
Ponte Nossa patrimonio abitativo
La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell'assessore alla Casa e Housing Sociale
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima