Un 21enne bergamasco campione del mondo di dattilografia

Andrea Farsi campione del mondo di dattilografia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

920 caratteri battuti al minuto: è l’incredibile velocità raggiunta da Andrea Akhlaghi Farsi, 21enne di Caravaggio (Bergamo) diventato campione del mondo di dattilografia. Grazie al risultato, il giovane bergamasco, studente universitario al Politecnico di Milano, si è messo al collo la medaglia d’oro. I campionati mondiali di dattilografia, si sono svolti ad agosto in Olanda, a Maastricht, nell’ambito del 53esimo congresso di Intersteno (Federazione Internazionale per il trattamento dell’informazione e della comunicazione). Circa 200 i partecipanti della competizione, arrivati da tutto il mondo.

“Per raggiungere questo risultato mi sono allenato tantissimo – racconta Andrea -. Ho iniziato a esercitarmi nel 2013 e dopo 9 anni di dura fatica sono riuscito ad arrivare a questa velocità. Sono molto soddisfatto, considerando inoltre che si trattava di un dettato”.

Andrea partecipa a gare da diversi anni

“La prima competizione è stata una gara online di Intersteno (Associazione per la sottotitolazione in tempo reale), sia in lingua madre, sia in multilingua – ricorda Andrea -. Avendo 13 anni ero nella categoria dei bambini e ho conquistato il quinto posto, sia in lingua madre, sia in multilingua. Nel 2015 ho iniziato a partecipare ai congressi Intersteno dove erano presenti più competizioni (quindi produzione testo, eventuali dettati o riassunti da fare). Avevo già preso parte ai campionati del mondo”.

“Ho scoperto questa mia abilità – continua – quando alla scuola secondaria di primo grado, durante le ore di Informatica eravamo soliti trascrivere testi. Ho notato di essere più veloce di altri miei colleghi e così ho iniziato a esercitarmi”.

Il 21enne è in grado di scrivere velocemente alla tastiera anche in altre lingue. “È molto strano, – spiega Andrea – in quanto so scrivere in lingue che non conosco. Riesco a farlo principalmente con quelle che ricorrono all’alfabeto latino. In cirillico potrei avere problemi, ma so comunque scrivere in russo, ucraino e macedone”.

Andrea Akhlaghi Farsi studia Ingegneria Matematica al Politecnico di Milano, ma tra i suoi orizzonti potrebbero esserci anche importanti istituzioni, magari europee. “Per ora sto cercando di dare priorità allo studio – afferma -, continuando in parallelo a scrivere. Valuterò in seguito, a seconda delle opportunità, cosa fare in futuro. Lavorare nelle istituzioni europee potrebbe essere difficile, in quanto viene richiesta una grande velocità di scrittura in lingua inglese, cosa più difficile per me, non essendo la mia lingua madre”.

Nonostante abbia conquistato il titolo di campione del mondo di dattilografia, Andrea continua ad allenarsi. “Voglio continuare a migliorare – conclude -, e vedere fino a dove posso spingermi con la mia velocità e i miei allenamenti. Banalmente da quando sono tornato a casa sono migliorato. Ho superato infatti le mille battute al minuto, soglia che avrei voluto raggiungere durante la gara”.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

niguarda terapia intensiva neonatale halloween
Dolcetto o scherzetto? Anche quest'anno nella Terapia Intensiva Neonatale dell'ospedale
bambino niguarda
Grazie a 3 microincisioni, è stato effettuato l’intervento di asportazione del lobo polmonare malato del piccolo paziente, che non consentiva ai suoi polmoni e al cuore di funzionare correttamen ...
Cristoforetti prima donna europea comandante
È la prima donna europea a ricoprire questo incarico È un orgoglio italiano, che rivendica anche la Lombardia (non solo il Trentino dove è cresciuta): nata a Milano nel 1977, di Malè i ...
Studenti con le stellette
Conclusa la settimana formativa in stile militare promossa dall’associazione Studenti con le stellette. Dal 21 al 28 agosto 2022, p ...
bimbo ucraino malformazione
L'intervento al Policlinico milanese. La guerra è sempre qualcosa di orribile. Ma è possibile che per qualcuno sia il punto di svolta verso la salvezza. Questa è la storia di ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima