carne sintetica mense scuole

Assessore: tutelare dieta mediterranea, educazione alimentare e filiere agroalimentari

“Il business del cibo e della carne sintetica non deve entrare nelle scuole e nelle mense pubbliche. Dobbiamo tutelare la cultura alimentare e la salute delle future generazioni, preservando il nostro modello agroalimentare. Per questo le istituzioni devono dare il buon esempio”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, in merito al dibattito in corso al Forum internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione di Roma. Dove si parla anche della promozione e dell’introduzione in scuole e mense del cibo e della carne sintetica.

Difendiamo la dieta mediterranea, elisir di lunga vita

“Dobbiamo tutelare – ha aggiunto l’assessore di Regione Lombardia – la dieta mediterranea, elisir di lunga vita e patrimonio mondiale dell’umanità Unesco. E quindi le filiere agroalimentari che rappresentano il made in Italy nel mondo. All’estero ci copiano infatti il cibo perché è il modello di qualità e sicurezza alimentare. E noi dobbiamo quindi fare di tutto per valorizzarlo. Partendo quindi dalla diffusione nelle giovani generazioni”.

Campagna di disinformazione contro agricoltura e zootecnia

“Per promuovere il cibo sintetico – ha concluso l’assessore Rolfi – si sta infatti montando una campagna di disinformazione contro l’agricoltura e la zootecnia italiane. Dietro questa operazione ci sono interessi economici giganteschi. La forza dell’Italia è infatti la distintività e la territorialità dei prodotti agricoli. La dieta unica sarebbe un danno per il nostro futuro”.

gus

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 0 / 5. Voti: 0