case aler milano spacciatore

Bolognini: collaborazione Forze dell’ordine-Aler prosegue

De Corato: sinergia efficace contro abusivismo e altri reati

Uno spacciatore è stato arrestato in flagranza di reato venerdì 4 dicembre sera dalla Polizia di Stato, con la collaborazione del settore Sicurezza di Aler Milano nel complesso di case di viale Fulvio Testi 304/306, a Milano.
A commentare la notizia sono gli assessori regionali Stefano Bolognini (Politiche sociali, abitative e Disabilità) e Riccardo De Corato (Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale).

Lavoro costante contro l’illegalità

“Esprimo grande soddisfazione – dice l’assessore Stefano Bolognini – per il costante lavoro delle Forze dell’ordine, con la collaborazione attiva degli ispettori di Aler Milano. Ringrazio tutti per il loro impegno quotidiano. Arresti, sgomberi, sequestri di materiale. La collaborazione tra Forze dell’ordine e Aler Milano nella lotta contro l’illegalità nei quartieri popolari prosegue. E, anzi, vogliamo rinforzarla ancora di più”.

Strada da percorrere: legalità e riqualificazione

Legalità – prosegue l’assessore Bolognini – e progetti di riqualificazione e rigenerazione: continuiamo a percorrere questa strada con grande impegno e attenzione, anche perché i primi a chiedercelo sono proprio gli inquilini per bene che vogliono vivere serenamente il proprio quartiere”.

Ottimo lavoro alle ‘Case Bianche’

“Ringrazio la Polizia di Stato del Commissariato Greco-Turro e gli ispettori di Aler per l’ottimo lavoro svolto alle ‘Case Bianche‘ – è il commento dell’assessore Riccardo De Corato – dove è stato arrestato un pusher di 45 anni“.

Arresto frutto di ottima sinergia

“Questo arresto – prosegue l’assessore – conferma l’ottimo lavoro svolto dalla Polizia di Stato insieme agli ispettori Aler. Una sinergia efficace sia per la lotta all’abusivismo sul patrimonio di 70.000 alloggi Aler tra Milano e provincia, grazie all’impegno del Prefetto e del Questore, sia per contrastare gli altri tipi di reato. Azione indubbiamente da incentivare per interventi a tutto tondo nei quartieri Aler”.

Contrastare illegalità alla radice

“È chiaro, infatti, che ogni situazione di irregolarità e di abusivismo deve essere contrastata alla radice. Altrimenti – conclude De Corato – lascia spazio ad altri reati. Come appunto lo spaccio di sostanze stupefacenti, la ricettazione e altri fenomeni simili, che affliggono i quartieri popolari di Milano”.

ben

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 0 / 5. Voti: 0