Case popolari, Bolognini: recuperati 2000 alloggi e abbassato occupazioni

case popolari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Con ministro Lamorgese Comitato ordine pubblico

Fare il punto con tutte le Istituzioni e i rappresentati delle Forze dell’Ordine sui settori ‘caldi’ della città con un’attenzione particolare alle case popolari e alla situazione di Rogoredo. Questo l’obiettivo del Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza che si è tenuto in prefettura a Milano, presieduto dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, cui ha partecipato, su delega del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, l’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità, Stefano Bolognini.

2.000 alloggi Aler recuperati

“Da aprile 2018 – ha spiegato BologniniAler, solo a Milano, ha recuperato circa 2.000 alloggi sfitti e lo stesso ha fatto il Comune di Milano. Quando ci sono queste forme di collaborazione, le stesse che ci hanno permesso di raggiungere risultati importante anche a Rogoredo, i risultati arrivano”.

400 occupazioni abusive

L’assessore ha anche ricordato come si stia anche invertendo il trend relativo alle occupazioni abusive. “Se dal 2012 al 2018 – ha detto – sono sempre aumentate, ora qualcosa sta cambiando. Siamo infatti passati da 4.500 a circa 4.000. Ciò significa che gli interventi sociali e di rigenerazione urbana che abbiamo messo in campo stanno funzionando”.

I successi ottenuti

L’assessore ha citato anche i successi ottenuti in contesti piuttosto complicati come via Fulvio Testi, via Manzano, via Bolla, e via Vincenzo da Seregno. “Le persone che abitano in questi quartieri popolari – ha aggiunto Bolognini – vogliono sentire la presenza dello Stato per riappropriarsi della propria città. E anche in queste zone abbiamo fatto grossissimi passi avanti”.

Aler vanta crediti per 300 milioni

Sempre riferendosi alla situazione dei quartieri popolari milanesi, Bolognini ha lodato l’importante lavoro della Guardia di finanza in un contesto di forte illegalità. “Aler – ha ricordato – vanta 300 milioni di euro di crediti di morosità consolidata (colpevole e incolpevole). In questo quadro, l’accertamento dei dati dei patrimoni è fondamentale per procedere con il recupero dei crediti e per aiutare chi veramente ha bisogno e ha diritto e procedere allo sgombero di chi non ha titolo”.
“Oggi – ha concluso Bolognini – abbiamo condiviso il ‘modello Lombardia’, un modo di agire improntato sulla leale collaborazione con tutti che è un segnale molto importante per la città”.

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

San Siro rigenerazione urbana
L'intesa tra Regione Lombardia, Politecnico e Aler Milano La rigenerazione urbana del quartiere San Siro di Milano compie un altro passo avanti. È infatti stata approvata dalla Giunta reg ...
affitti libero mercato
Regione Lombardia scende nuovamente in campo per sostenere gli affitti sul libero mercato. La Giunta regionale ha infatti approvato una delibera ...
Superbonus 110% case Aler
L'impegno della Regione Lombardia per riqualificare il patrimonio pubblico Sostenere i costi relativi a spese non detraibili con il superbonus 110% nelle case Aler. Questo l'obiettivo dell ...
residenze universitarie graduatoria bando
In programma anche efficientamento energetico e riqualificazione Approvata la graduatoria del bando< ...
Aler Milano alloggi sfitti
Assessore: in programma progetto sperimentale con tecnologia domotica Oltre 12 milioni ad Aler Milano per riqualificare 450 alloggi sfitti. È infatti di 1 ...
Progetto Casa Aler
Moratti e Mattinzoli: strutture socio sanitarie a servizio degli abitanti La vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima