Coronavirus, contact tracing: formazione ISS per 100 medici specilizzandi

contact tracing
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Fontana: risorsa straordinaria per prevenire recrudescenza virus
Brusaferro: epidemiologia ‘da campo’ punto chiave

Monitorare gli ‘infetti’, controllare i loro contatti, sollecitare tamponi in caso di rischio con il contact tracing. Sono questi gli obiettivi del corso di Formazione a Distanza organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS), attivo già da alcune settimane per gli operatori del Sistema Sanitario Nazionale (SSN), e iniziato martedì 9 giugno per gli specializzandi di 5 Scuole lombarde di Igiene e Medicina Preventiva.

Le Scuole che partecipano

L’iniziativa, concordata tra ISS e Direttori delle Scuole di specializzazione di Milano Statale, Milano Bicocca, Vita-Salute San Raffaele, Pavia e Brescia, con l’auspicio della Presidenza di Regione Lombardia, ha l’obiettivo di mettere a disposizione risorse aggiuntive, costituite dai circa 100 medici igienisti in formazione che stanno svolgendo i loro tirocini sul campo.

Brusaferro (ISS): contact tracing cruciale in ‘fase 2’

“Il contact tracing rappresenta in questa ‘fase 2‘ – dice il presidente dell’ISS, Silvio Brusaferro – un elemento cruciale per il controllo dell’epidemia COVID-19. Ed è un punto chiave perché rappresenta l’epidemiologia ‘da campo’. Infatti, avere professionisti qualificati è uno degli obiettivi dell’ISS. Che fin dall’inizio dell’epidemia ha attivato corsi FAD per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale. Con le scuole lombarde, in particolare, è iniziato così un percorso. Che ha lo scopo di migliorare e rafforzare la sanità pubblica e le sue strutture. Dovrà essere questa l’eredità dell’epidemia”.

Regione plaude all’iniziatva dell’ISS

Regione Lombardia – commenta il presidente Attilio Fontana – plaude all’iniziativa dell’Istituto Superiore di Sanità e alla disponibilità offerta dalle 5 scuole lombarde di Igiene e Medicina Preventiva. I cento medici igienisti formati per le attività di contact tracing costituiranno una risorsa straordinaria per le nostre Ats che potranno contare sul loro coinvolgimento. La sorveglianza territoriale, l’intercettazione e l’isolamento di nuovi casi positivi sarà fondamentale per prevenire la formazione di nuovi focolai e la recrudescenza del virus”.

gal

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Crisi idrica
Sertori: no a una ulteriore riduzione dei prelievi Rolfi: rilasci verso il Po solo se compensati da invasi alpini Crisi idrica: riconvocato con urgenza il 'Tavolo ...
Piano casa Lombardia
Sostenibilità, welfare, cura del patrimonio, rigenerazione urbana, housing sociale È di oltre un miliardo e mezzo di euro la cifra per il 'Piano casa della Lombardia e
sport paralimpici regione cip
Il sottosegretario Rossi: divertimento e inclusione, sognando insieme 'mille' vittorie ai Giochi del 2026 Crescono le opportunità di praticare gli sport paralimpici in Lombardia a livello ...
patto territoriale montecampione
Assessore Magoni: qui un'offerta turistica varia e di qualità Sottosegretario Rossi: avanti con attrattività dei territori La
coronavirus casi Lombardia
Ti interessa l'aggiornamento quotidiano della vaccinazioni? Clicca
vaccinazione-covid-lombardia
Vaccinazioni anti-Covid, i dati di mercoledì 29 giugno. Somministrate 24.148.931 dosi
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima