danni fauna selvatica

“Decreto interministeriale fermo da un anno”

“La crisi da Covid-19  ha avuto pesanti ripercussioni anche in alcuni comparti agricoli e gli agricoltori che operano nelle aree protette stanno aspettando i risarcimenti per i danni causati dalla fauna selvatica. Una somma da circa 350.000 euro per la Lombardia. È passato un anno dalla presentazione del decreto interministeriale su questo tema. Purtroppo le nostra aziende agricole non ha tutto questo tempo da perdere”.

Lettera al Ministro

L’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia Fabio Rolfi lo ha scritto in una lettera al ministro Teresa Bellanova. Nella missiva si chiede, inoltre, di accelerare la procedura di concessione degli aiuti per gli indennizzi dei danni provocati dalla fauna selvatica nelle aree protette.

Decreto indennizzi

È necessario che il Governo emani un decreto per recepire una norma comunitaria. La direttiva  consente di indennizzare al 100 per cento i danni causati dalla fauna selvatica alle aziende agricole situate in area protetta. Tra l’altro, senza l’applicazione del ‘de minimis’.

Danni fauna selvatica

“Le aziende agricole presenti nelle aree dei Parchi regionali lombardi – ha aggiunto l’assessore – hanno implementato sistemi agronomici e di coltivazione rispettosi dell’ambiente, finalizzati anche al miglioramento del paesaggio agrario e dell’agrosistema. Sono particolarmente orientate  – ha sottolineato – alla trasformazione dei prodotti e all’agricoltura sostenibile. Operare in area protetta però – ha precisato Rolfi – non deve diventare uno svantaggio economico e burocratico. Sui danni generati dalla fauna selvatica purtroppo a Roma  – ha puntualizzato il titolare regionale all’Agricoltura – non si sta facendo nulla”.

Interventi rapidi ed efficaci

“L’azione della Regione Lombardia – ha continuato Rolfi – è limitata soprattutto da una norma nazionale anacronistica troppo restrittiva. Chiedo pertanto al ministro Teresa Bellanova un intervento rapido ed efficace”.

Strumenti di sostegno

“La crisi – ha concluso l’assessore della Regione Lombardia Fabio Rolfi – non aspetta. Dobbiamo dare agli agricoltori un ulteriore strumento di sostegno”.

ram