giardino Paolo Scrofani

L’assessore alla Sicurezza: in lui spiccavano il forte spirito di servizio e la dedizione al dovere

L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale ha partecipato alla cerimonia di intitolazione del giardino di viale Giovanni da Cermenate a Milano a Paolo Scrofani, primo dirigente della Polizia di Stato, medaglia al Valor Civile.

Dopo aver portato i saluti del presidente della Regione, l’assessore ha sottolineato di “aver ancora impresso nella memoria quel maledetto 28 giugno 2002, periodo in cui ricoprivo la carica di vicesindaco di Milano. Era in corso una riunione di Giunta – ricorda – quando ricevemmo la triste notizia di ciò che era successo. Lasciai immediatamente la seduta e mi recai sul luogo dell’esplosione dell’appartamento di viale Giovanni da Cermenate. Non ci sono parole per descrivere quello che trovai davanti ai miei occhi”.

L’assessore regionale alla Sicurezza, durante la cerimonia di intitolazione del giardino a Paolo Scrofani ha inoltre sottolineato di aver “ancora in mente il volto del vice questore Paolo Scrofani, che ho avuto il piacere di conoscere e apprezzare. In lui spiccavano il forte spirito di servizio e la dedizione al dovere. Il suo ricordo, il suo coraggio ed il suo sacrificio non dovranno mai essere dimenticati”.

“Quello che mi rammarica – ha concluso l’assessore – è che l’assassino di Scrofani, grazie a sconti di pena, oggi è libero”.

mac