Incidenti lavoro, Dg Welfare: in 2023 meno infortuni mortali, più controlli

incidenti lavoro nota dg welfare lombardia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Nota fa il punto sulla situazione a partire dai dati disponibili

In merito alle attività di prevenzione degli infortuni sul lavoro, la Direzione generale Welfare di Regione Lombardia replica, attraverso una Nota, alla segreteria regionale della Uil. Lo fa spiegando che l’argomento viene trattato più volte l’anno nell’ambito di una cabina di regia. Una ‘sede’ cui partecipano le parti sindacali (Uil compresa), quelle datoriali e le Ats. L’ultimo incontro si è tenuto nel dicembre 2023.

Nota Dg Welfare Lombardia su incidenti sul lavoro

“Nell’analisi dei dati 2023 – si legge nella Nota – si evidenzia infatti come i dati complessivi degli infortuni mortali (52) sono inferiori al 2022 (57) e inferiori al 2019 (67). I comparti maggiormente interessati sono le costruzioni (30,8%), l’agricoltura (23,1%) e la metalmeccanica (17,3%)”.

Controlli in aumento

“In merito ai controlli – prosegue – nel gennaio 2024 sono aumentati del 4% rispetto al gennaio 2023 (4128 contro 3957). In particolare, sono aumentate del 6% le ispezioni sul campo rispetto a gennaio 2023 (2056 rispetto a 1937). Le attività messe in atto dal sistema regionale sono rinforzate attraverso un’apposita delibera e dalla legge ordinamentale. La norma che ha destinato il 2% delle sanzioni per realizzare progetti formativi e informativi”.

Piani mirati di prevenzione

“Inoltre – si legge ancora nella Nota – si sono fornite chiare indicazioni tramite i piani mirati di prevenzione. Si tratta di documenti tecnici che accompagnano le aziende nella prevenzione degli infortuni e nella tutela della salute”.

Più controlli, più formazione e più supporto alle aziende

“Regione Lombardia – conclude la Nota della Dg Welfare della Lombardia sugli incidenti sul lavoro – si sta muovendo rinforzando i tre assi di azione (più controlli, più formazione, e più supporto alle aziende) per garantire maggiore sicurezza. Le attività di prevenzione e repressione di comportamenti errati sono in carico a Regione, Ats, sindacati, parti datoriali, ispettorato del lavoro e solo tramite una azione congiunta si potrà diminuire ulteriormente il numero di decessi dovuti al mondo del lavoro”.

Ottimizzato per il web da:
Moreno Gussoni

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

farmacie lombardia holter
Dal martedì giugno 2024, i cittadini residenti o domiciliati in Lombardia, con esenzione per patologie cardiovascolari, potranno accedere gratuitamente nelle farmacie lombarde ai servizi di teleme ...
regione lombardia avis sangue bertolaso
Un appello ai volti noti dello sport, dello spettacolo e della TV a diventare testimonial dell'importanza della donazione del sangue e del plasma. Lo ha lanciato l'assessore regionale al Welfare, < ...
hacker rhodense
"Dopo l’attacco hacker di giovedì 6 giugno, all'ASST Rhodense, sono stati ripristinati parzialmente i servizi di telefonia ...
La scorsa notte, la rete informatica dell’ASST Rhodense ha subito un importante attacco informatico che ha coinvolto tutte le sedi (presidi di Garbagna ...
liste attesa lombardia
"Siamo assolutamente d'accordo e in linea con il decreto legge sulle liste d'attesa. Anzi, ci ritroviamo in moltissime di quelle che sono ora le disposizioni nazionali: dal CUP unico, per il quale ...
hospice como
"L’Hospice di Como non chiuderà. Si è parlato in questi giorni di uno 'stop dell'attività' di questa realtà a giugno e del rischio che una parte importante del territorio potesse quindi ritro ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima