Innovazione, la Lombardia è la prima regione per start up e Pmi

innovazione lombardia start up pmi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore Fermi: 500 milioni per nuova programmazione europea

Lo spirito imprenditoriale e l’innovatività sono parte del DNA della Lombardia che è la prima Regione italiana per numero di start up e PMI dell’innovazione (4.700, il 27% del dato nazionale, per un totale di ricavi pari a oltre 3,3 miliardi di euro). Per questo rafforzare la collaborazione con chi vuole ‘spingere l’acceleratore’ su innovazione e ricerca è prioritario. Lo ha ricordato anche l’assessore regionale all’Università, Ricerca e Innovazione, Alessandro Fermi, intervenendo in Assolombarda all’iniziativa ‘Talentis’ dei Giovani Imprenditori di Confindustria che mira, appunto, a promuovere idee imprenditoriali innovative favorendo l’incontro tra start up, investitori ed ecosistema produttivo.

Innovazione, Lombardia ‘casa’ per start up e PMI

innovazione lombardia start up pmi“In Lombardia – ha spiegato Fermi – ospitiamo il 9,5% degli occupati nell’industria ad alta e media tecnologia. Siamo la prima Regione italiana per numero di brevetti europei registrati (31,5% del totale nazionale, il doppio della seconda Regione, l’Emilia-Romagna). E vogliamo guardare e lavorare con le altre regioni che trainano l’Europa sul tema della ricerca e dell’innovazione per rafforzare e stimolare questo ecosistema innovativo. Un impegno che ci vede affiancati, supportati e stimolati da chi delle imprese rappresenta bisogni e interessi, come Confindustria”.

Futuro si gioca sull’innovazione

“Sul tema dell’innovazione – ha proseguito – si gioca il futuro della nostra regione. Siamo in una fase fortunata perché, proprio oggi, parte la nuova Programmazione europea. Avremo oltre 500 milioni di euro da spendere e dovremo farlo nel migliore dei modi stando attenti a che ogni singolo euro possa non solo dare qualcosa al territorio, ma rendere la Lombardia sempre più competitiva”.

Nuovo ‘modus operandi’

Da qui un affondo su un ‘modus operandi’ che non vedrà più la distribuzione di fondi a pioggia. “Vogliamo promuovere percorsi e progetti produttivi – ha concluso Fermi – che possono dare slancio al nostro territorio. La PA da sola non ce la può fare e quindi abbiamo bisogno di lavorare e costruire insieme così da accompagnare le nostre start up a quel successo che meritano”.

dvd

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

ricerca irccs
La Lombardia vuole sostenere concretamente la ricerca svolta dagli Istituti di Ricovero e Cura a carattere ...
programmazione-lombardia
Con i 2 miliardi di dotazione del settennio 2021-2027, il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) è uno strumento preziosissimo per realizzare gli obiettivi di ricerca, competitività e crescit ...
competitività imprese
Cento milioni di euro per promuovere le relazioni tra imprese, università, centri di ricerca e accrescerne la competitività e favorire il
trasferimento tecnologico
Uno stanziamento di 40 milioni di euro per potenziare le infrastrutture di ricerca delle Università dedicate al trasferimento tecnologico. Lo prevede una delibera approvata dalla ...
cluster cosmesi
La Regione Lombardia ha annunciato la decisione di istituire il Cluster della Cosmesi con sede in provincia di Cremona, un importante passo nell'ambito della strategia di sviluppo ...
Università Edolo
Sono 20 i ragazzi che hanno concluso con successo l'edizione n°1 del master di primo livello in 'Project ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima