Scuola Lombardia, dal 7 gennaio ripresa delle attività didattiche al 50%

lezioni presenza scuola
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Per garantire sicurezza agli studenti della scuola della Lombardia, la ripresa delle lezioni in presenza dal 7 gennaio dovrà avvenire gradualmente – a partire dal 50% – per risolvere alcune criticità che potrebbero favorire una ripresa dei contagi del coronavirus.

Una lettera lunedì 21 dicembre al Governo

È il senso della lettera che. lunedì 21 dicembre, Regione Lombardia, Comuni capoluogo, Anci, Upl e Ufficio scolastico regionale invieranno al Governo. Una decisione condivisa al termine della riunione convocata da Attilio Fontana, presidente della Regione, alla quale ha presenziato il prefetto di Milano, Renato Saccone.

Partecipanti all’incontro

Un incontro al quale hanno partecipato gli assessori regionali Melania Rizzoli (Istruzione, Formazione e Lavoro), Claudia Maria Terzi (Infrastrutture, trasporti e mobilità sostenibile) e Massimo Sertori (Enti locali, Montagna e piccoli Comuni).

Cautela: iniziare dal 50% per arrivare al 75% in presenza

I partecipanti all’incontro odierno hanno tutti convenuto che la percentuale del 50% è cautelativa. Con l’obiettivo dichiarato di arrivare gradualmente, ma sempre e comunque garantendo il rispetto di tutte le norme di sicurezza contro il Coronavirus, al 75% degli studenti presenti in aula.

Altro punto condiviso, scaglionare ingressi e uscite

Altro punto condiviso, per lo svolgimento in sicurezza delle lezioni della scuola in presenza, lo scaglionamento degli ingressi e delle uscite degli alunni dagli edifici scolastici.

Il delicato fronte dei trasporti

lezioni presenza scuola

Sul fronte trasporti, l’assessore Claudia Maria Terzi ha rimarcato che per garantire sicurezza sui mezzi di trasporto la percentuale dei passeggeri deve restare al 50%, sottolineando che “per 50% non si intende la metà dei posti a sedere, quanto invece la metà della capienza disponibile, che include anche i posti in piedi”.

Necessari fondi per 100 milioni euro

Stando alle prime stime, ancora provvisorie, sarebbero necessari fondi per 100 milioni di euro. Al fine di garantire il necessario distanziamento sui mezzi di trasporto e il loro conseguente potenziamento.

ben

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

rete facilitatori digitali
Fornire ai cittadini lombardi tutti gli strumenti necessari per accrescere in modo efficace le proprie competenze digitali. È l’obiettivo del bando ‘Rete dei servizi d ...
contest pa ok
Rendere la macchina amministrativa sempre più vicina ai cittadini e, quindi, al mondo economico produttivo. È questo l'obiettivo del contest 'PA OK! Insieme per creare valore pubblico', voluto da ...
Filiera IeFP studenti lombardi
Avviati in tutta la regione gli esami finali per gli studenti lombardi della filiera dell'
abbandono universitario regione
È aperto il bando rivolto alle università e agli operatori accreditati per i servizi al lavoro. L'obiettivo è realizzare un servizio di consulenza per gli studenti universitari ...
lombardia donazione organi
Presentato a Palazzo Pirelli il Protocollo di Intesa siglato tra Regione Lombardia, Coordinamento Regionale Trapianti, AIDO (Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule) e F ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima