Rinvio blocco veicoli diesel euro4, Cattaneo: è un risultato importante

lombardia blocco diesel euro 4
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Stante il perdurare dell’emergenza sanitaria e per garantire la sicurezza negli spostamenti ed evitare l’affollamento dei mezzi pubblici, la Lombardia ha rinviato il blocco dei diesel euro4 già previsto per lunedì 11 gennaio.

“La sospensione – spiega l‘assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo – conferma il lavoro svolto dai presidenti e dagli assessori all’Ambiente delle regioni del Bacino padano, condiviso anche dal ministro dell’Ambiente. Le Regioni del Bacino padano hanno confermato la loro posizione unitaria, non solo sulla mobilità, ma anche sul riscaldamento degli edifici e sulla limitazione delle emissioni in agricoltura”.

Trovati sintesi ed equilibrio

“Si tratta – prosegue Cattaneo – di un risultato significativo, perché consente l’attuazione di politiche su una scala di dimensione più idonea. Trovare sintesi ed equilibrio è stato importante anche per quanto riguarda il complesso delle politiche”.

“Così possiamo guardare insieme – aggiunge – alle esigenze di tutela dell’ambiente. Nonchè di miglioramento della qualità dell’aria e di salvaguardia dai pericoli connessi alla pandemia in atto, sia di tipo sanitario che economico”.

Da 11 gennaio si fermano diesel euro3 nei comuni in fascia 2 ed euro1 benzina nei comuni di fascia 1 e 2

L’assessore Cattaneo ha ricordato inoltre che: “da lunedì 11 gennaio entrano in vigore le misure permanenti previste dal Piano regionale degli interventi per la Qualità dell’aria. Ovvero le limitazioni per i veicoli euro1 benzina in Fascia 1 e Fascia 2 e l’estensione per tutto l’anno delle limitazioni per i veicoli euro3 diesel in Fascia 2”.

Sono confermati viceversa i divieti di circolazione dei veicoli euro 0 benzina e euro 0, 1, 2 e 3 diesel: dal lunedì al venerdì, dalle ore 7,30 alle ore 19,30. Dal 1° gennaio al 31 dicembre in Fascia 1 e 2.

In vigore i nuovi provvedimenti di emergenza antismog

I nuovi provvedimenti adottati si articolano su due livelli, in base al superamento continuativo del limite giornaliero per il Pm10 (50mg/m3) registrato dalle stazioni di riferimento. Ovvero dopo il 4° giorno e dopo il 10°.

Misure di 1° livello, le novità

Per quanto riguarda la mobilità, queste misure si applicano nei Comuni con popolazione superiore ai 30.000 abitanti che appartengono alle Fasce 1 e 2 e ai Comuni aderenti. In città saranno limitate all’utilizzo delle autovetture di classe fino ad euro4 diesel, dalle 8.30 alle 18.30. Comprese quelle dotate di filtro antiparticolato.

Per quanto riguarda il riscaldamento e l’agricoltura, le limitazioni si applicano, non solo ai Comuni con più di 30.000 abitanti. Bensì a tutti quelli del territorio provinciale interessato.

Coi provvedimenti di 1° livello è in vigore il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici a biomassa legnosa, in presenza di impianti di riscaldamento alternativi, con emissioni inferiori o uguali a 3 stelle.

Sono confermati inoltre il divieto assoluto di combustioni all’aperto per residui vegetali, falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio o a scopo d’intrattenimento. Ed anche il limite delle temperature all’interno degli edifici fissato a 19°c, con una tolleranza di 2°c.

Infine resta valido il divieto di spandimento dei reflui zootecnici, salvo iniezione diretta o interramento immediato.

Provvedimenti di 2° livello, aggiornamenti

Le limitazioni alla mobilità, con le misure di 2° livello, sono estese in ambito urbano a tutti i veicoli (inclusi quelli commerciali) di classe fino ad euro4 diesel compreso (anche con filtro antiparticolato) dalle ore 8.30 alle 18.30.
Le limitazioni di 2° livello, per quanto riguarda il riscaldamento e l’agricoltura, si applicano a tutti i Comuni del territorio provinciale interessato. In aggiunta alle limitazioni di 1° livello, è  compreso il divieto di utilizzo dei generatori di calore domestici. A biomassa legnosa inferiori o uguali a 4 stelle.

I dati dell’aria sul territorio regionale nel 2020

Durante i lavori del Tavolo Aria sono stati presentati infine i dati sulla qualità dell’aria. Che verranno illustrati nel dettaglio prossimamente. Nel 2020 su tutto il territorio regionale è stato rispettato il valore limite medio annuo di 40 µg/m³ per il Pm10. Inoltre è stato documentato un trend in progressivo miglioramento, su base pluriennale.

Da ultimo il numero dei giorni di superamento. Nel 2020 del valore limite giornaliero (50 µg/m³) è stata pure confermata la tendenza al progressivo miglioramento su base pluriennale. Fattori metereologici negativi hanno determinato un leggero incremento rispetto al biennio precedente.

ama

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Idrogeno H2ma
La Regione fa un altro passo avanti propedeutico alla diffusione dell'idrogeno verde. Con una delibera approvata dalla Giunta, ...
giorni della merla
Tradizione rispettata per quanto riguard i 'Giorni della merla del 2023'. La mattinata del 30 gennaio, infatti, ha fat ...
coronavirus casi Lombardia
In linea con quanto stabilito e reso noto dal ministero della Salute comunichiamo i dati relativi alla situazione Covid in Lombardia alla data del 26 gennaio 2023. Ricoverati in terapia inte ...
Varese Lago
Definiti i prossimi step per il risanamento del Lago di Varese. Tra questi: ulteriore tutela delle aree protett ...
idrogeno lombardia
Favorire la produzione di idrogeno rinnovabile nelle aree industriali dismesse della Lombardia. E' questo l'obiettiv ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima