Lombardia, approvato modello percorsi diagnostico terapeutici assistenziali

lombardia percorsi diagnostico terapeutici assistenziali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Il paziente al centro di un processo decisionale informato e condiviso con i professionisti sanitari che lo hanno in cura. È quanto prevede il ‘Modello lombardo per la strutturazione operativa dei percorsi diagnostico terapeutici assistenziali’ (PDTA), approvato dalla Giunta regionale su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti.

Il Modello, centrato sui principi promossi dalle migliori evidenze scientifiche e sul quadro normativo di riferimento, declina compilazione, implementazione, monitoraggio e revisione dei percorsi diagnostico terapeutici assistenziali.

I PDTA sono interventi complessi che operano in sistemi complessi come il SSR. Tendono al conseguimento di risultati multipli e prevedono l’implementazione di processi di cura diversificati tra loro, ma interagenti ed interdipendenti.

Vicepresidente Moratti: in Lombardia elevati standard qualitativi dei percorsi diagnostico terapeutici assistenziali

“Abbiamo predisposto l Modello regionale – ha commentato la vicepresidente Moratti – con l’obiettivo di ottenere l’eccellenza nei PDTA non attraverso le prestazioni dei singoli, ma utilizzando le competenze, l’integrazione ed il coordinamento di un team di professionisti sanitari che possano apprendere come gruppo dalle prestazioni passate e dalle migliori pratiche cliniche correnti”.

“La sola implementazione dei PDTA – ha aggiunto – non risulta, di per sé, sufficiente a garantire sicurezza, efficacia, efficienza ed appropriatezza nell’erogazione delle prestazioni sanitarie. È necessario, infatti, che i percorsi di cura vengano costruiti ed implementati utilizzando specifici elevati standard qualitativi“.

“L’adozione di questo Modello regionale – ha concluso Moratti – consentirà di revisionare i PDTA già esistenti, oltre a quelli di nuova produzione. Particolare riferimento, inoltre, ai percorsi di cura strategici e/o finalizzati a presidiare l’interfaccia ospedale-territorio/distretto”.

med

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

sorveglianza Pronto Soccorso
Regione Lombardia è pronta ad attivare servizi di guardia giurata e videosorveglianza a protezione del personale nelle strutture ospedaliere e ambulatoriali, in particolare nei Pronto Soccorso deg ...
scelte revoca medico farmacia
Bilancio ad un mese del nuovo servizio di Regione Lombardia per la scelta e revoca del medico di base in farmacia Numeri importanti per il nuovo servizio di scelta e revoca del medico di b ...
Stanziati 500.000 euro per sensibilizzare cittadini Sangue, da Regione e Areu impulso alla raccolta.  Ammonta al  10% l'incremento mens ...
vaccino scimmie prenotati
Alle ore 17.30 del 10 agosto sul portale regionale, hanno prenotato il vaccino contro il vaiolo delle scimmie 1.421 cittadini. Sommini ...
febbre nilo lombardia
La sorveglianza veterinaria ha mostrato la circolazione del virus della febbre del Nilo occidentale in tutte le province della Lombardia ad esclusione di quelle di Monza, Lecco, Bergamo, Sondrio.
vaiolo scimmie vaccini
Dal 10 agosto è possibile prenotarsi sul portale regionale per la vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie (https://prenotasalute.regione.lo ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima