Valbrembana, Lucente: nuove forme di mobilità contro dispersione scolastica

mobilità valbrembana
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

A Zogno il punto della situazione sul trasporto pubblico

“Per fornire un servizio di trasporti efficiente e che non penalizzi nessuno, è necessario un maggior raccordo tra istituzioni centrali, amministrazioni locali, agenzie del Tpl e istituti scolastici. Solo collaborando, prevedendo una rimodulazione degli orari di ingresso e di uscita dagli istituti tarato sui flussi degli studenti, con una programmazione ragionata e condivisa, sarà possibile garantire un trasporto pubblico locale puntuale e in grado di soddisfare le esigenze anche delle località più disagiate da un punto di vista geografico”.

È questo il messaggio che Franco Lucente, assessore regionale ai Trasporti e Mobilità sostenibile, ha lanciato nel corso di un incontro a Zogno, in provincia di Bergamo, per analizzare le criticità del trasporto pubblico e scolastico in un’area, la Valle Brembana, dove il problema è particolarmente avvertito.

Assessore Lucente: in aree come la Valbrembana pensare a forme alternative per la mobilità

Il momento di confronto, organizzato dalla Comunità Montana della Valle Brembana, ha visto la partecipazione, tra gli altri, del consigliere regionale Jonathan Lobati (presidente V Commissione Territorio, infrastrutture e mobilità), del consigliere provinciale alla viabilità, Mauro Bonomelli, del direttore di Arriva Italia – sede di Bergamo – Roberto Salerno, del direttore dell’Agenzia Tpl Bergamo Marcello Marino, del presidente dell’Osservatorio Vallare sul Lavoro della Valle Brembana, Alessandro Perin. Folta anche la partecipazione dei dirigenti degli istituti scolastici del territorio.

“Regione Lombardia – ha affermato Lucente – sostiene il trasporto pubblico locale con oltre 200 milioni di euro all’anno, per complessivi 600 milioni grazie anche all’intervento statale. Risorse spesso non sufficienti a coprire adeguatamente tutti i servizi. Ecco perché è necessario, specie nelle aree montane, pensare a forme di mobilità alternative, come il car e il bike sharing soprattutto per i lavoratori, l’utilizzo di navette per gli studenti in sinergia con i Comuni, per garantire il trasporto di tutti gli utenti”.

Un nuovo modo di pensare il trasporto pubblico, dunque, che per l’assessore Lucente ‘deve passare necessariamente dalla modifica della legge regionale che disciplina il settore. Solo così – ha aggiunto – potremo avere una rimodulazione adeguata del servizio alle esigenze odierne, con una gestione mirata alle specificità dei singoli territori e viaggiatori. Attualmente Regione Lombardia detiene solo il 10% della quota di partecipazione nelle Agenzie di Bacino Tpl e non abbiamo competenze sulla programmazione del servizio. Vogliamo contare di più per decidere fattivamente della gestione dei trasporti. Non fungere unicamente da bancomat”.

Il consigliere regionale Lobati ha voluto ringraziare l’assessore Lucente “per la sensibilità ai territori di montagna. Stiamo facendo un bel lavoro di sinergia – ha affermato Lobati – fra Assessorato ai Trasporti e mobilità sostenibile e Commissione Territorio, infrastrutture e mobilità. È importante che gli studenti di montagna abbiano le stesse possibilità, o comunque simili, a chi abita invece in città. La sfida è capire se è possibile farlo anche con modalità diverse, per fare in modo che questi servizi, nel tempo, possano migliorare”.

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

treno storico milano genova
Regione Lombardia, insieme a Fondazione FS e in collaborazione con l'associazione Lombardi nel mondo, promuove una giornata speciale a bordo dello
lombardia tpl
Regione Lombardia ha sbloccato 20,5 milioni di euro che saranno destinati alle Agenzie del Trasporto Pubblico Locale (Tpl), all’Autorità di Bacino del Lago d’Iseo e a Trenord. Si tratta di fon ...
treni ponti primavera
"In Lombardia l’81% dei treni arriva a destinazione in orario, l’87% entro i 7 minuti, il 95% entro 15 minuti". Così l'assessore regionale ai Trasporti e Mobilità sostenibile
sicure stazioni varese
Contrastare il degrado e aumentare la sicurezza urbana soprattutto nelle stazioni, attraverso controlli integrati coordinati delle forze di polizia e degli enti territoriali, oltre alla lotta contr ...
stazione mortara
Dopo Lecco e Varese, anche in provincia di Pavia parte il progetto 'Stazioni sicure’ finalizzato alla promozione della ...
Un contributo di 213.000 euro per interventi di manutenzione straordinaria per garantire la continuità del servizio della funivia 'Albino - Selvino' nel pieno rispetto delle norme di sicurezza. Lo ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima