nuovo museo design

Prima manifestazione prevista per aprile, apertura al pubblico a giugno

L”ADI design Museum – Compasso d’Oro di Milano’ è un nuovo museo nella sede all’interno dell’area ristrutturata tra le vie Ceresio e Procaccini. Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, accompagnato dall’assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni, ha visitato i nuovi spazi insieme al presidente ADI, Luciano Galimberti, e a quello della Fondazione ADI Collezione Compasso d’Oro, Umberto Cabini.

Regione entrerà in ADI

Nel corso della conferenza stampa, il presidente ha annunciato la volontà della Regione Lombardia di entrare a far parte della Fondazione ADI per “l’importanza che il design ha verso il sistema economico lombardo”.

Presidente Fontana: Valorizza eccellenze del territorio

“La realizzazione di questi nuovi spazi – ha sottolineato il presidente – è l’esempio virtuoso di come nella nostra regione si riesca a raggiungere in tempi brevi i risultati, quando l’obiettivo è qualcosa di utile per tutti i cittadini. Siamo partiti lo scorso anno con la sottoscrizione di un ‘Protocollo di Intenti’ per la valorizzazione del Sistema museale del Design, con Ministero per i Beni e le Attività culturali, Assolombarda, ADI, La Triennale”. “Così – ha continuato – si prosegue quel percorso donando un’offerta complessiva del sistema design di Milano e Lombardia, principali interpreti del settore nel mondo, che consentirà di valorizzare ulteriormente le grandi eccellenze del nostro territorio”.

 

Magoni: Casa del design a livello internazionale

“Si tratta di un’iniziativa davvero importante. Questo hub, nel quale verranno raccolte le opere di design industriale premiate con il Compasso d’oro e periodicamente esposte a rotazione, diventerà la nuova casa del design a livello internazionale. Ancora una volta – ha detto l’assessore Magoni – la Lombardia valorizza le sue eccellenze: l’ingegno e la creatività dei nostri designer avranno presto una vetrina di grande prestigio. Il settore del design vale per la Lombardia 19 miliardi solo nel primo semestre del 2019, con 23.000 imprese e 115.000 addetti e può costituire, non solo un elemento determinante per impatto e sviluppo economico diretto, ma anche un driver fenomenale di crescita e attrattività turistica”.

str

 

Clicca su una stella per valutare l'articolo!

Punteggio medio 4.5 / 5. Voti: 2