Risorse idriche, Foroni: in prossima legislatura nuovo Piano tutela Acque

nuovo piano acque
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“Una misura importante, che permetterà di porre le basi per configurare, nella prossima legislatura, il nuovo Piano di Tutela delle Acque“. L’assessore regionale al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni, commenta così l’approvazione in Aula consigliare dell’atto di indirizzo che definisce le linee strategiche per un utilizzo razionale e sostenibile delle acque in Lombardia.

“Sarà uno strumento di pianificazione articolato – ha aggiunto – che dovrà avere elementi innovativi e strategici; finalizzati a migliorare le strategie future per affrontare nelle politiche regionali, il tema del risparmio idrico, sempre più pressante alla luce della crisi di quest’anno”.

Nuovo Piano acque, fondamentale affrontare sfida crisi idriche future

Il nuovo piano dovrà contenere le misure necessarie per gestire in maniera sempre più efficace le situazioni di siccità, in continuità con l’azione portata avanti da Regione Lombardia in materia di tutela delle risorse idriche.

“Futuri finanziamenti regionali – ha osservato l’assessore – saranno indirizzati a migliorare la resilienza del sistema agli eventi siccitosi, in un’ottica di adattamento ai cambiamenti climatici; necessario intervenire sulla riduzione delle perdite negli acquedotti, l’efficientamento delle reti di approvvigionamento, e il riuso irriguo dei reflui depurati”.

Linee di intervento per i prossimi anni

Rispetto al Piano vigente, essenziale rendire efficienti gli usi idrici, il riuso della risorsa e la gestione del servizio idrico integrato. Particolare attenzione dovrà essere riservata alle fonti di approvvigionamento potabile, alle sorgenti, alle acque sotterranee e ai corpi idrici superficiali; completando le conoscenze rispetto alla loro ‘vulnerabilità qualitativa e quantitativa’. Il piano si propone poi di garantire il mantenimento dell’equilibrio idrologico regionale e degli ecosistemi acquatici connessi: ciò si ottiene tutelando il livello quantitativo delle acque sotterranee nelle aree di pianura e identificando le aree ‘sovrasfruttate‘ per raggiungere e mantenere l’equilibrio del bilancio idrico a livello di acque superficiali.

 

Ottimizzato per il web da:
emanuele vertemati

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

aria stop misure
In considerazione delle medie provinciali di PM10 registrate nella giornata di giovedì 22 febbraio  delle previsioni meteorologiche favorevoli alla dispersione previste per i prossimi giorni, da ...
qualità aria misure
In conseguenza ai valori di PM10 registrati nella giornata di ieri - domenica 18 febbraio - e delle previsioni meteorologiche per i prossimi giorni, da domani, 20 febbraio 2024, si attivano le misu ...
strade provinciali pavese
La giunta regionale ha destinato 7,6 milioni per la manutenzione delle strade provinciali del Pavese. "L ...
prodotti locali
"Il primo atto di tutela ambientale è il consumo di prodotti locali. Questo consente di abbattere le emissioni che derivano dai trasporti, di ridurre il consumo energetico, imballaggi e trattament ...
Aria Milano
Qualità dell'aria a Milano, Palazzo Lombardia risponde al Comune. "La Regione Lombardia ha già un tavolo istituzionale a cui partecipano i Comuni per ...
ponte ciclopedonale brembo
Inaugurato il ponte ciclopedonale sul fiume Brembo che collega i Comuni di Filago (BG) e Osio Sopra (BG). Al taglio del nastro ha partecipato l'assessore regionale ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima