Covid, al ‘Papa Giovanni’ di Bergamo 1.000 tamponi al giorno con ‘Panther’

panther
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

‘Panther’, il più recente sistema di processazione di tamponi che consente al Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo dianalizzare fino a 1.000 tamponi al giorno in modalità fortemente automatizzata ed efficiente, è stato oggetto dell’approfondimento odierno di Lombardia Notizie Online cui hanno partecipato Maria Beatrice Stasi, direttore generale dell’Asst, e Andrea Gianatti, direttore del Laboratorio.

panther

‘Panther’ va ad aggiungersi alle tre differenti piattaforme per l’attività di diagnosi di infezione da SARS-CoV-2 già presenti al Papa Giovanni XXIII che, comunque, continueranno a ricoprire un ruolo significativo.

In dotazione al nosocomio bergamasco grazie a donazioni

“È grazie alle donazioni raccolte durante l’emergenza Covid – ha spiegato Maria Beatrice Stasi – che abbiamo acquisito Panther con la formula del ‘noleggio’. Questa tecnologia ci consente di raddoppiare i tamponi che riusciamo a processare ogni giorno. Un’organizzazione che ci consente di garantire la gestione del boom dei test di questo periodo e la massima precisione e sicurezza ai nostri pazienti, contribuendo in modo sostanziale al programma di screening regionale”.

In totale, da marzo a oggi, nei laboratori del Papa Giovanni, sono stati processati oltre 62.000 tamponi ed eseguiti più di 28.000 test sierologici.

Ottimizzati i processi diagnostici

panther

“Il Dipartimento di Medicina di Laboratorio – ha aggiunto Andrea Gianatti – ha affrontato l’emergenza Covid-19 da subito con grande disponibilità e collaborazione. Abbiamo coinvolto tutto il personale in modo coordinato. Unendo esperienze e competenze acquisite trasversalmente nei laboratori e ridistribuendo le risorse umane al fine di ottimizzare i processi diagnostici”.

Ingente lavoro del personale

“Il contributo che il Papa Giovanni XXIII sta continuando a dare alla sorveglianza sanitaria per il Covid-19 sul territorio provinciale è assolutamente decisivo – ha concluso Maria Beatrice Stasi. Un lavoro ingente per il quale è doveroso ringraziare tutto il personale medico e infermieristico, tecnico e amministrativo. Impegnato in queste settimane a garantire un’attività straordinaria che si affianca a quella clinica ordinaria”.

mac

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

RICETTE ELETTRONICHE
Il Servizio di notifiche del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) si è aggiornato offrendo ai cittadini la possi ...
Oltre 200 studenti degli Istituti superiori lombardi hanno assistito al convegno organizzato dall'assessorato alla Sicurezza di Regione Lombardia 'alcol e droga al volante, metti un freno'. Nel cor ...
volo salva vita
Non è in pericolo di vita il bimbo di due anni trasportato il 2 aprile '24 con un volo sanitario, su un Falcon 900 dell'Aeronautica militare italiana, da Catania - dove era ricoverato nel reparto ...
Covid zero terapie intensive
Domenica 7 aprile si celebra la 'Giornata mondiale della salute'. Gli enti del Sistema Sanitario Regionale, dal 7 fino a saba ...
sud america infermieri
"Innanzitutto, tengo a ribadire che i nostri medici e i nostri infermieri hanno la massima priorità e lo abbiamo dimostrato con azioni concrete". Parte da questa considerazione l'assessore regiona ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima