medtronic invatec

Rizzoli: piena rioccupazione, salvaguardato tessuto industriale
Mattinzoli: Regione ruolo chiave, gran lavoro felice conclusione

“Sono molto felice di essere qui a testimoniare una storia di grande successo costruita e fortemente voluta da Regione Lombardia insieme ad altri protagonisti, in primis l’Associazione industriale bresciana. Da parte mia c’è soprattutto l’orgoglio per il ruolo fondamentale
che la Regione ha svolto in questo percorso con l’obiettivo di tutelare i lavoratori”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro, Melania De Nichilo Rizzoli, arrivando a Brescia, per la presentazione dell’accordo definitivo per il trasferimento e la reindustrializzazione degli impianti produttivi di Roncadelle (Brescia) dalla Medtronic-Invatec alla
Business Creation Investments (BCI).

Tenacia dei lavoratori

“Un particolare ringraziamento va da parte mia e di tutta la Regione – ha aggiunto l’assessore Rizzoli – alla tenacia dei lavoratori, alla responsabilità sociale dell’azienda, al paziente e meticoloso lavoro di Vertus, soggetto incaricato del progetto di reindustrializzazione, e all’investitore che ha creduto nel territorio bresciano”.

Traguardo importante

“Oggi – ha quindi aggiunto l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Alessandro Mattinzoli, presente all’iniziativa – raggiungiamo un importante traguardo voluto con grande determinazione da Regione Lombardia e da tutti i protagonisti. Il processo di reindustrializzazione del sito Medtronic-Invatec segna un nuovo inizio”.

Progetto strutturato

“L’operazione – ha continuato Mattinzoli – si è concretizzata con un progetto strutturato e solido che ha visto la Regione grande protagonista anche grazie al lavoro sinergico che svolto con il Governo, con l’Associazione industriale bresciana, le altre istituzioni del territorio e le rappresentanze sindacali. Il lavoro di squadra è sempre quello vincente soprattutto di fronte a sfide complesse”.

Esempio replicabile

“Questi esempi – ha chiosato – potrebbero essere replicati là dove ci siano situazione di riconversione industriale, puntando, come in questo caso sull’innovazione che è la vera chiave di volta”.

I presenti

Alla presentazione erano presenti Stefano Patuanelli (ministro dello Sviluppo economico), Giuseppe Pasini (presidente Associazione industriali bresciana), Damiano Spada (sindaco di Roncadelle), Michele Perrino (presidente e amministratore delegato Medtronic Italia), Gerry Van der Sluys (Ceo BCI) e Alessandro Ielo (managing partner Vertus srl).

Passaggio fondamentale

“Questa giornata rappresenta un fondamentale passaggio: il lungo lavoro, nostro e di tutti, è stato ripagato dal successo” ha detto ancora l’assessore Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia, Melania De Nichilo Rizzoli.

Al lavoro dal 2013

“I siti Invatec di Roncadelle e Torbole Casaglia (circa 430 dipendenti allora), come Assessorato li abbiamo seguiti già dal 2013 – ha ricordato Rizzoli – attraverso ammortizzatori sociali per il mantenimento della produzione (nel 2018 con ancora circa 300 addetti) e l’attivazione di politiche attive”. “A cura della Provincia di Brescia che, con Regione Lombardia, ha sempre agito in sintonia”.

18 mesi di intenso lavoro e costante presenza

Il 6 maggio 2018 Medtronic-Invatec aveva deciso di cessare le produzioni nei due stabilimenti bresciani nel primo semestre del 2020, con un esubero potenziale di oltre 300 dipendenti, in maggioranza donne.

Reazione politica e sindacale

“La reazione sindacale e politica – ha detto l’assessore lombardo al Lavoro – è stata immediata e forte. Con il positivo coinvolgimento del Ministero per lo Sviluppo Economico“.

Fronte compatto

“Si è così creato – ha proseguito – un fronte istituzionale e sindacale. Che è stato compatto rispetto a una assoluta contrarietà alla cessazione dei siti e che ha assunto posizioni nette. Niente esuberi, salvaguardia occupazionale e produttiva, investimenti per la reindustrializzazione e impegno a ricollocare tutti”.

Progetto produzione siringhe ago retrattile: il ruolo di Regione

Nel 2019 il percorso si è concretizzato in un avveniristico progetto per la produzione di siringhe dotate di un ago retrattile. “Parliamo di 50 milioni di euro di investimento – ha spiegato Rizzoli – e il riassorbimento di tutto il personale dei due siti Invatec”.

Bci Retrago

“L’azienda – ha detto – è la Bci Retrago, che si occupa di riqualificazione di siti produttivi in Europa ed è specializzata nella produzione di dispositivi medici”.

Gli ammortizatori

“Mentre Medtronic e BCI chiudevano l’accordo – ha concluso l’assessore Rizzoli – Regione Lombardia ha assicurato ammortizzatori (Cigs), con il rilancio delle politiche attive. Accompagnando azienda e sindacati in tutti i passaggi istituzionali previsti sino alla fine 2020”.

ama


Mattinzoli Patuanelli Rizzoli