Rete malattie rare Lombardia: aggiornata presa in carico, 4 nuovi presìdi

uniamo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

A Milano Humanitas ‘San Pio X’ e Centro Irccs ‘Santa Maria Nascente’

A Pavia Istituti clinici scientifici Maugeri – Irccs, a Brescia Centro clinico NeMO

Un supporto fondamentale, con la rete per le malattie rare della Lombardia, per pazienti e familiari, grazie alla presa in carico di centri specializzati. Nonchè a una più tempestiva prescrizione di cure e terapie. Il tutto, infatti, con un ulteriore e migliore coordinamento tra le strutture. Di per sé già ben rodato. Va quindi in questa direzione la delibera sull’aggiornamento della ‘Rete regionale delle malattie rare’ approvata lunedì 10 maggio dalla Giunta di Regione Lombardia su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti.

Centri di documentata esperienza

I presìdi Rete malattie rare Lombardia sono stati individuati tra centri in possesso di documentata esperienza nell’attività diagnostica o di terapeutica specifica per le malattie o per i gruppi di malattie rare. Sono stati scelti, infatti, tra quelli che hanno idonea dotazione di strutture di supporto e servizi complementari. Oltre che tra strutture che offrono servizi mirati, malattia per malattia, per l’emergenza e quindi per la diagnostica biochimica e genetico-molecolare.

Coordinamento e centro di riferimento

Le funzioni di coordinamento e di Centro di riferimento interregionale (Cir), tra i presìdi della rete, sono svolte dal Centro di ricerche cliniche per le malattie rare ‘Aldo e Cele Daccò’ dell’Istituto di ricerche farmacologiche ‘Mario Negri’, che ha sede a Ranica in provincia di Bergamo.

Cura malattie rare, risultato importante

“L’aggiornamento della rete – commenta Letizia Moratti – concretizza un passaggio fondamentale: la presa in carico dei pazienti da parte di strutture specializzate. Esso costituisce infatti, soprattutto, l’avvio della cura di malattie particolari. Delle quali si parla poco e che sono minimamente conosciute. Se non appunto dalle persone cui sono diagnosticate e dai loro familiari. Nonchè da medici e specialisti delle strutture che se ne occupano. È un risultato per noi molto importante”.

Rete malattie rare Lombardia: i 4 nuovi presìdi

L’individuazione dei quattro nuovi presìdi è stata preceduta da una istruttoria. Seguita dalla direzione generale e dal Centro di riferimento regionale. Al termine hanno individuato: Humanitas ‘San Pio X’ di Milano; Centro Irccs ‘Santa Maria Nascente’ – Fondazione ‘don Carlo Gnocchi’ onlus di Milano; Istituti clinici scientifici Maugeri – Irccs di Pavia; Centro clinico NeMO – Fondazione Serena onlus di Brescia.

Le patologie seguite nei 4 istituti

Di seguito, quindi, le patologie rare specifiche, seguite in ciascuno nei quattro presidi individuati:

* Humanitas ‘San Pio X’ di Milano
  • cheratocono;
  • degenerazioni della cornea;
  • distrofie ereditarie della cornea;
  • sindrome di Axenfeld-Rieger.
* Centro Irccs ‘S. Maria Nascente’ – Fondazione ‘don Carlo Gnocchi’ onlus di Milano
  • distonia di torsione idiopatica;
  • distonie primarie.
* Istituti clinici scientifici Maugeri – Irccs di Pavia
  • sindrome di Kallmann;
  • malattia di Whipple;
  • ipogonadismo ipogonadotropo congenito.
* Centro clinico NeMO – Fondazione Serena onlus di Brescia
  • insufficienze congenite del metabolismo e del trasporto dei carboidrati (escluso diabete mellito);
  • difetti congeniti della ossidazione mitocondriale degli acidi grassi (esclusa sindrome di Zellweger – rn1760);
  • insufficienze congenite della fosforilazione ossidativa mitocondriale da alterazioni del dna mitocondriale;
  • difetti della fosforilazione ossidativa mitocondriale da alterazioni del dna nucleare;
  • sindrome di Kearns-Sayre;
  • sclerosi laterale amiotrofica;
  • sclerosi laterale primaria;
  • polineuropatia cronica infiammatoria demielinizzante;
  • neuropatia motoria multifocale;
  • sindrome di Lewis Sumner;
  • atrofia ottica di Leber;
  • malattie spinocerebellari;
  • atrofie muscolari spinali;
  • neuropatie ereditarie;
  • miopatie congenite ereditarie;
  • distrofie muscolari;
  • distrofie miotoniche;
  • Paralisi normokaliemiche, ipo e iperkaliemiche;
  • Miosite a corpi inclusi;
  • sindrome Melas;
  • sindrome Merrf.

ama

Quanto ti è piaciuto questo articolo?
5/5

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

sanità lombardia programmazione ospedali 2022
Un'ulteriore fase di rilancio all'insegna della pianificazione, degli investimenti e dell'attenzione ai servizi offerti sul territorio e in ospedale. Va in questa direzione la delibera sugli ...
nuova rianimazione ospedale san paolo a del San Paolo
Presidente: in Lombardia il capitale umano migliore in assoluto La tecnologia deve essere al loro servizio L’Ospedale San Paolo di Milano ha un nuovo re ...
lombardia cura osteoporosi
Osteoporosi, in Lombardia Rete per prevenzione, diagnosi e cura per adulti con fattori di rischio Una rete regionale dei 'Centri per la prevenzione, diagnosi e cura dell'osteoporos ...
donazione organi lombardia
Sistema trapianti, il Programma in Lombardia per il biennio 2022-2023 Implementare il volume di donazione di organi e tessuti, anche favorendo la partecipazione delle strutture sanitarie p ...
Attacco hacker Fatebenefratelli Sacco
Attacco hacker ai sistemi informatici dalle ore 3 di domenica 1° maggio, verso i presidi Ospedalieri e territoriali dell'ASST Fatebenefratelli Sacco. Per questo si sono verificati gravi problemi t ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima