Rimodulazione Pnrr. Alparone: conferenza Regioni pronta a fare la sua parte

programmazione comunitaria tour
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assegnato un ruolo di primo piano, finora escluso dagli altri Governi Vicepresidente: efficace il coinvolgimento voluto dal ministro Fitto

“Con il ministro Raffaele Fitto abbiamo avuto un confronto molto positivo nel metodo e nel merito sulla proposta di rimodulazione del Pnrr. Quanto al metodo, va apprezzato il diretto coinvolgimento delle Regioni in questa fase dato che con i governi precedenti eravamo stati completamente bypassati. Nel merito: molti interventi inseriti nel Pnrr non avrebbero trovato risposta nei tempi previsti. L’aumento dei costi delle materie prime rendeva inoltre oggettivamente impossibile rispettare le scadenze e rendicontarli nella maniera corretta. Il rischio concreto era di perdere quelle risorse del Pnrr “.

Così il vicepresidente della Regione Lombardia e assessore al Bilancio e Finanza Marco Alparone commenta la riunione con le altre Regioni e il ministro Raffaele Fitto.

Rimodulazione PnrrRimodulazione Pnrr

“Stiamo ricontrattando il Pnrr con la Commissione europea – ha spiegato Alparone – per non perdere le risorse. Contemporaneamente, il ministro Fitto, per non escludere queste progettualità ha ipotizzato l’utilizzo di fondi nazionali e anche dei Fondi di coesione. In questo modo sono così coinvolgte  anche le Regioni”.

Alcuni di questi interventi, infatti, non rispondevano pienamente al requisito di non impattare sull’ambente, come impone invece il Pnrr.

Disponibilità delle Regioni

“Le Regioni – ha proseguito Alparone – hanno dato ampia disponibilità nel confronto sull’utilizzo di queste risorse. Questo per mettere a terra quei progetti che oggi sarebbero esclusi dal Pnrr. L’obiettivo comune non è quello della polemica politica ma quello della collaborazione per realizzare tutte quelle opere che in maniera frettolosa e polverizzata non avrebbero superato
gli standard previsti dal Pnrr e dalla Commissione europea”.

“Un approccio che condivido pienamente – ha continuato – e ci deve vedere in dialogo costante con l’obiettivo comune di utilizzare al meglio tutte le risorse disponibili”.

“Meglio rimodulare ora – ha concluso – che dover rimborsare le risorse nel 2026  perché non avremmo raggiunto i milestone definiti”.

Ottimizzato per il web da:
Monica Ramaroli

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Si svolta nell’aula consiliare di Palazzo Pirelli la premiazione delle squadre professionistiche lombarde,
pesto masterpiece
"È un grande piacere partecipare a questo evento, Pesto Masterpiece, che rende ancora più forte la vicinanza e la collaborazione tra Lombardia e Liguria". Così il vicepresidente della
archivi storici
Oltre 300 tra archivisti e documentaristi hanno partecipato al convegno 'Leggere l'archivio e i suoi segni: strategie e strumenti per la conoscenz ...
siti orfani lombardia
Grazie ad uno stanziamento di 14 milioni di euro (risorse interamente regionali) che vanno ad aggiungersi ai 51 previsti dal Pnrr, sarà possibile ...
gruppo
Si svolgeranno a Milano dal 7 all'11 novembre le finali di 'Sport Movies & TV, Milano International Ficts Fest' 20 ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima