Nuove start up lombarde, Regione pubblica bando da 16 milioni

start up lombarde
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Mattinzoli: miriamo a stimolare l’imprenditorialità

È stato pubblicato oggi il bando ‘Archè – Nuove Mpmi – sostegno alle Start up lombarde in fase di avviamento e consolidamento’. L’atto per le start up lombarde fa seguito alla delibera approvata a maggio dalla Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Mattinzoli.

Destinatari

Il provvedimento, che rende disponibili 16 milioni di euro, serve per promuovere le nuove realtà imprenditoriali lombarde – micro, piccole e medie imprese (Mpmi) e liberi professionisti – sia in forma singola, sia in forma associata.
Sono esclusi i soggetti che operano nel settore ‘Alloggio’ come alberghi, bed and breakfast e case per le vacanze.

Finalità

Il bando è diviso in due Misure. Con la ‘Misura A’ si finanziano le attività di nuova o recente costituzione, fino a un massimo di 2 anni. Con la ‘Misura B’ le attività avviate da più di 2 e massimo 4 anni.

Sostegno per avvio e sopravvivenza

“La nostra intenzione – ha spiegato l’assessore Mattinzoli, commentando la pubblicazione del bando – è di favorire e stimolare l’imprenditorialità lombarda, attraverso il sostegno sia nelle fasi di avvio che in quelle di consolidamento, in modo da poter aumentare le possibilità di sopravvivenza nel breve, ma soprattutto nel medio termine”.

Importo dell’agevolazione

Il contributo a fondo perduto si configura così:
– per la ‘Misura A’: a fronte di un investimento minimo di 30.000 euro l’incentivo arriva a un massimo di 50.000 euro;
– per la ‘Misura B’: fino a un massimo di 75.000 euro, a fronte di un investimento minimo di 40.000 euro.

Spese ammissibili

Sono considerate spese ammissibili, per la ‘Misura A’ – per esempio – l’acquisto di nuovi impianti, attrezzature, materiali, macchinari, hardware e software, la ristrutturazione funzionale dei locali per l’attività di impresa/professionale (escluso spese tecniche e di progettazione), le spese di locazione/noleggio per attrezzature tecnico-specialistiche e per laboratori/sede oggetto di intervento.
Per la ‘Misura B’ – per esempio – l’acquisizione di immobili destinati a sede produttiva, logistica, commerciale (immobile che deve essere ubicato all’interno del territorio regionale), l’acquisto di brevetti, licenze d’uso e servizi software di tipo ‘cloud’.

Presentazione domande e tempistica

Lo sportello aprirà il prossimo 2 ottobre e si concluderà il 15 novembre, salvo chiusura anticipata per esaurimento risorse. Il soggetto attuatore è Finlombarda. Tutte le info sul sito www.regionelombardia.it.

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Startcup 2022
Guidesi: obiettivo, esaltare l'innovazione Presentata 'Startcup 2022' la competizione organizzata dalle Università e dagli ...
istruzione professionale Lombardia
Prevista anche inclusione target deboli e specializzazione tecnica per l'anno 2022/2023 La misura coinvolge oltre 58.000 giovani studenti di lombardi Istruzione e formazione Lomba ...
osservatorio online formazione
Rizzoli: programma e rete di servizi uniformi per le Regioni Un Osservatorio online grazie a cui è possibile monitorare gli scenari regionali, in continua evoluzione, in ...
Istruzione formazione tecnica superiore
Nuovo impulso al sistema di Istruzione e formazione tecnica superiore (Ifts) grazie a due delibere approvate  dalla Giunta della ...
commercio estero lombardia 2022
Il commercio estero cresce, nel 2022, in Lombardia. La regione incrementa ancora il valore delle sue esportazioni: nel primo trimestre 2022 cresce del +4,9% (congiunturale) e tocca i 38,4 miliardi ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima