Università di Pavia, da Regione 12 milioni per centro ricerca e formazione

universita pavia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

L’assessore Fabrizio Sala: laboratori innovativi su sostenibilità salute agroalimentare

Approvato l’accordo tra Regione Lombardia e Università degli Studi di Pavia per il nuovo ‘Centro di ricerca e formazione’ dell’ateneo. I nuovi laboratori di ricerca verranno finanziati da Regione Lombardia con 12 milioni di euro. Ospiteranno tre linee di ricerca dedicate allo sviluppo di tecnologie innovative per sostenibilità ambientale, salute e agroalimentare.

“Questo Centro di ricerca e formazione – ha commentato l’assessore regionale all’Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione di Regione Lombardia Fabrizio Sala – punta a essere un elemento di unione fra le strutture e gli enti di ricerca presenti sul territorio pavese e ad accrescere l’interazione tra aziende e Università”.

“Le Università – ha concluso Sala – sono infatti partner importanti per Regione Lombardia. Questi accordi perciò rappresentano quindi una formula vincente per accrescere la competitività di tutto il territorio”.

Il Centro è destinato alla ricerca applicata, allo sviluppo industriale e all’alta formazione.

Universita’ di Pavia, le attività finanziate dalla convenzione con Regione Lombardia

La Convenzione tra i due enti è stata approvata dalla Giunta di Regione Lombardia su proposta dell’assessore Fabrizio Sala e fissa le attività che verranno sostenute grazie all’intesa.
Tre le linee di ricerca che prenderanno vita all’interno del Centro, suddivise per filiere:

  • IT-Innovazione: microelettronica e nano elettronica per le Scienze della vita, sensoristica per l’ambiente, robotica, mobilità e trasporti;
  • Salute: materiali avanzati e nanotecnologie per applicazioni in ambito microelettronico, biomedicale e farmaceutico;
  • Agroalimentare: alimentazione sostenibile e ‘Lifestyle Medicine’, ‘Food & Pharma Food’ attraverso le preparazioni alimentari, la nutraceutica, la nutrizione di precisione, e sicurezza alimentare.

Il Centro di ricerca e formazione universitaria sorgerà lungo via Abbiategrasso e ospiterà aule didattiche e laboratori. La realizzazione dell’intervento avverrà nel quadriennio 2022-2025. I fondi di Regione Lombardia copriranno la costruzione degli edifici, l’acquisto di attrezzature tecnico-scientifiche e la fornitura di arredi per la didattica e i laboratori.

Universita’ di Pavia, primo tassello per il ‘parco Gerolamo Cardano’

Il Centro di ricerca e formazione universitaria occuperà 2.400 metri quadri e rappresenta quindi il primo fondamentale tassello per la realizzazione del più ampio progetto del ‘Parco Gerolamo Cardano per l’innovazione sostenibile’. Uno spazio che occuperà 11.000 metri, con una parte cospicua dedicata all’Innovazione Tecnologica.

Il Parco si concentrerà infatti sull’Innovazione Sostenibile nelle aree dell’Ambiente e della Salute. Lo spazio inoltre utilizzerà tecnologie innovative come stampa 3D, microelettronica, fluidica digitale, e supporterà l’attività di ricerca e formazione dei 13 dipartimenti Stem (dall’inglese science, technology, engineering and mathematics) dell’Ateneo.

Il Centro di ricerca e formazione universitaria fornirà quindi alle imprese presenti nel Parco Gerolamo Cardano un contatto con i 18 dipartimenti dell’Università di Pavia e gli altri centri di ricerca della città (dai tre IRCCS, al CNR allo IUSS, dal CNAO alla Fondazione Eucentre), oltre a occasioni di formazione e didattica mirata.
In particolare, la nascita del Centro permetterà infatti alle imprese di avviare progetti comuni con gli enti di ricerca, e di attivare stage e tirocini per gli studenti.

La scelta di Regione Lombardia

Il sostegno di Regione Lombardia si inserisce nell’ambito dell’Attuazione del Piano Lombardia LR 9/2020, con cui Regione ha messo a disposizione 3 miliardi di euro per interventi finalizzati a rilanciare l’economia lombarda. In questo contesto, il finanziamento del Centro di ricerca e formazione universitaria rientra nel sostegno a iniziative di ricerca operativa a elevato contenuto tecnologico. Infine, particolare attenzione alle aree della sostenibilità ambientale, della salute e dell’alimentazione.

ben

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

vaccinazione-covid-lombardia
Vaccinazioni anti-Covid, i dati di martedì 9 agosto. Somministrate 24.511.354 dosi
dote merito studenti
Dal 10 agosto al via i pagamenti a tutti i destinatari Sono 3.385 gli studenti lombardi eccellenti del secondo ciclo di istruzione e formazione professionale che riceveranno la Dote scuola ...
occhiali smart
Fabrizio Sala: sperimentazione smart glasses al Parco dei gasometri cofinanziato da Regione Lombardia EssilorLuxottica e i ...
anno scolastico 2022-2023
Dal 5 settembre riapertura delle scuole dell'infanzia È confermato per l'anno scolastico 2022-2023 il calendario scolastico regionale di carattere permanente. L'avvio delle lezioni sarà ...
Rapporto Invalsi Lombardia 2022
F. Sala: bene secondarie di primo grado e secondo anno superiori Invalsi certifica il ritorno alla normalità dopo il Covid Il Rapporto Invalsi Lombardia 2022, ch ...
diritto-studio-universitario-lombardia
Crescono valore borse studio e platea di beneficiari, in particolare studenti pendolari e fuori sede Ampliati limiti di reddito e patrimonio fino al massimo previsto dalla normativa nazio ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima