Rolfi: 4 milioni per 87 aziende under 40. Ricambio generazionale cruciale

agricoltura attrattiva under 40
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore: abbiamo investito 40 milioni in 7 anni per 1.366 start-up giovanili: 769 in montagna e aree interne

“L’agricoltura è tornata attrattiva anche tra gli under 40. Nonostante le difficoltà legate all’aumento dei costi di produzione, ci sono tanti giovani lombardi che decidono di aprire una azienda agricola in pianura o in montagna. Gli investimenti fatti per sostenere il ricambio generazionale e l’innovazione sono fondamentali per il futuro del comparto. In questi 5 anni abbiamo destinato 40 milioni di euro a 1.366 ragazze e ragazzi lombardi che hanno aperto una attività o sono subentrati a quella dei genitori o dei nonni”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi di Regione Lombardia, Fabio Rolfi, annunciando una misura da 4 milioni di euro, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale, destinati all’avvio di 87 nuove aziende gestite da agricoltori con meno di 40 anni.

“Prima Regione agricola, anticipiamo il futuro”

agricoltura attrattiva under 40

“Siamo la prima regione agricola d’Italia – ha aggiunto l’assessore – e abbiamo il dovere di anticipare il futuro. Abbiamo anche fatto la scelta strategica lo scorso anno di aumentare i premi passando da 20.000 a 40.000 euro per l’avvio delle aziende di pianura e da 30.000 a 50.000 euro per quelle di montagna. I giovani possono portare nuove energie, nuove tecnologie, nuove idee a un comparto fondamentale per l’economia lombarda e italiana”.

Fondi anche agli Istituti agrari e alla promozione dei prodotti

“Abbiamo affiancato a questi fondi per l’agricoltura attrattiva nella fascia under 40 – ha continuato l’assessore – anche un corposo investimento da 5 milioni per gli istituti agrari statali e iniziative per la promozione dei prodotti. È necessario accorciare la distanza tra formazione ed esigenze del mondo del lavoro e proseguire con la comunicazione per far capire ai consumatori la qualità e la sicurezza dei prodotti agroalimentari lombardi”. “Solo così – ha concluso Rolfi – possiamo fare in modo che le risorse destinate all’avvio di nuove aziende non siano solo uno intervento spot, ma si trasformino in redditività a lungo termine per gli imprenditori agricoli e per le filiere”.

Il riparto della misura

Di seguito il riparto del finanziamento.

Numero di aziende gestite da giovani avviate con questo finanziamento:

  • Bergamo: 23 aziende (di cui 19 in montagna), 1.110.000 euro;
  • Brescia: 14 aziende (di cui 5 in montagna), 610.000 euro;
  • Como: 8 aziende (di cui 7 in montagna), 390.000 euro;
  • Cremona: 5 aziende, 200.000 euro;
  • Lecco: 3 aziende (di cui 3 in montagna), 150.000 euro;
  • Lodi: 2 aziende, 80.000 euro;
  • Monza e Brianza: 1 azienda, 40.000 euro;
  • Milano: 1 azienda, 40.000 euro;
  • Mantova: 8 aziende, 320.000 euro;
  • Pavia: 10 aziende (di cui 4 in montagna), 440.000 euro;
  • Sondrio: 8 aziende (di cui 8 in montagna), 400.000 euro;
  • Varese: 4 aziende (di cui 2 in montagna), 180.000 euro.

Totale: 87 aziende (di cui 48 in montagna), 3.960.000 euro

I fondi Psr degli ultimi 7 anni

Il bilancio delle imprese gestite dai giovani grazie al Psr negli ultimi 7 anni.

Numero totale di aziende gestite da giovani avviate grazie al Programma di sviluppo rurale negli ultimi 7 anni:

  • Bergamo: 298 aziende (di cui 246 in montagna), 9.560.000 euro;
  • Brescia: 273 aziende (di cui 150 in montagna), 7.850.000 euro;
  • Como: 63 aziende (di cui 53 in montagna), 2.040.000 euro;
  • Cremona: 56 aziende, 1.340.000 euro;
  • Lecco: 32 aziende (di cui 22 in montagna), 940.000 euro;
  • Lodi: 18 aziende, 480.000 euro;
  • Monza e Brianza: 11 aziende, 370.000 euro;
  • Milano: 28 aziende, 660.000 euro;
  • Mantova: 172 aziende, 3.860.000 euro;
  • Pavia: 182 aziende (di cui 73 in montagna), 4.690.000 euro;
  • Sondrio: 205 aziende (205 in montagna), 6.850.000 euro;
  • Varese: 28 aziende (di cui 19 in montagna), 890.000 euro.

Totale complessivo: 1.366 aziende (di cui 769 in montagna), 39.530.000 euro.

gus

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

lombardia bando forestazione periurbana
Una misura per favorire a sostegno della mobilità ciclabile Approvato da Regione Lombardia,
agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò
La Regione Lombardia ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni registrati alle strutt ...
pest suina barriera cinghiali
Assessore: lavoro di squadra per scongiurare disastro economico Una barriera frutto del lavoro di squadra in Lombardia contro la peste suina per scongiurare il disastro economico legato al ...
drone nelle coltivazioni
Esito molto positivo per la prova sul campo di un drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari nelle coltivazioni della Lombardia eseguita nell'oliveto dell'azienda ...
appello filiera cerealicola
Assessore: aumentare produzione nazionale per tutelare approvvigionamento e Dop La Regione Lombardia condivide l'appello delle organizzazioni della filiera cerealicola, zootecnica ed alime ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima