Bando rimozione amianto, assegnati oltre 800.000 euro a 200 beneficiari

rimozione amianto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Cattaneo: da Regione Lombardia un’altra azione concreta
“Risposta per territorio a tutela ambiente e salute cittadini”

È stato firmato il decreto dirigenziale che assegna i contributi ai cittadini per la rimozione delle coperture e di altri manufatti in cemento amianto da edifici privati. Con il decreto si approva il primo elenco di domande ammesse a finanziamento e i relativi degli impegni di spesa.

Sono stati assegnati a favore dei beneficiari i primi 843.215,73 euro, su 3 milioni stanziati, a favore di 200 beneficiari.
Le domande presentate sono state 640, e si stanno concludendo le istruttorie per verificare l’ammissibilità delle rimanenti 440 richieste. Entro la fine dell’anno saranno assegnati tutti i contributi relativi alle istanze ammissibili.

“Rimuovere l’amianto in Lombardia – commenta l’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo – è una mia priorità e lo è anche per questa amministrazione, per migliorare la qualità dell’ambiente e tutelare la salute dei cittadini”. “Per questo – continua – abbiamo voluto il bando dedicato ai privati e abbiamo fatto in modo di rispondere a tutte le istanze arrivate dai territori, triplicando le risorse. Con questa assegnazione iniziano i trasferimenti di risorse che permetteranno ai beneficiari di partire con i lavori”.

Il bando era rivolto ai privati cittadini (persone fisiche, anche associate nei ‘condomini’) proprietari di edifici in cui sono presenti manufatti in cemento-amianto.
Destinatari sono i privati cittadini che hanno partecipato al bando approvato con Dduo 8615/2019.

Il contributo erogato è a fondo perduto fino alla concorrenza massima del 50 per cento dell’importo della spesa ammissibile e, in ogni caso, non oltre un massimo di 15.000 euro per il singolo intervento.
L’erogazione del 100 per cento del contributo avverrà alla fine dei lavori una volta acquisita tutta la documentazione necessaria che attesti la regolare esecuzione degli interventi di rimozione e smaltimento dei manufatti in cemento-amianto. (LNews)

gus

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Giornata Verde pulito 2022
Sono 52 i Comuni che hanno partecipato quest'anno alla social call fotografica dedicata all'ecologia lanciata da Regione Lombardia in occasione della Giornata del Verde Pulito 2022 (a cui hanno ade ...
Via libera oggi dal Consiglio regionale per il settore sabbia e ghiaia Un Piano cave,
nuovo piano rifiuti lombardia
Presentazione a enti locali, nazionali e operatori del settore Con il nuovo Piano si punta a una riduzione della produzione dei rifiuti urbani del 9% entro il 2027 (oggi 4,6 milioni di ton ...
efficientamento energetico
Assessori Cattaneo e Mattinzoli: sostenibilità nostra priorità La Giunta regionale ha stanziato, con una delibera proposta dall'assessore all'Ambiente e Clima
blocco diesel euro 4
Approvate nuove misure per migliorare la qualità dell'aria in Lombardia Mobilità e qualità dell’aria in Lombardia; la Giunta regionale ha varato nuove dispos ...
Regione Lombardia assumerà, per i prossimi due anni, la vicepresidenza per l'Europa di 'Regions4'. È la rete di oltre 40 regioni, di ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima