Violenza contro donne e Covid, 760.000 euro per spese nell’emergenza

centri antivolenza donne covid
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’Assessorato alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, ha approvato una delibera che mette a disposizione 760.753 euro a sostegno dei Centri antiviolenza contro le donne, delle Case rifugio e di accoglienza e delle Reti territoriali interistituzionali antiviolenza, per l’attuazione di interventi finalizzati a fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Sostegno concreto

“Con questo provvedimento – ha spiegato l’assessore Alessandra Locatelli – diamo un sostegno concreto alle strutture che hanno assicurato l’accessibilità ai servizi specializzati offerti dal sistema regionale di prevenzione e contrasto alla violenza durante l’emergenza sanitaria, ampliando l’offerta dei servizi dedicati alle donne vittime di violenza, con particolare attenzione anche alle esigenze dei loro figli”.

Numero antiviolenza, chiamate aumentate

“Tra le conseguenze della convivenza forzata, dovuta alle restrizioni messe in atto per il contenimento del contagio – sottolinea l’assessore – vi è stata l’insorgenza di comportamenti violenti. O l’aggravarsi di situazioni che già precedentemente mostravano segnali di rischio. Nel 2020, infatti, le chiamate al 1522, il numero di pubblica utilità contro la violenza e lo stalking, sono aumentate del 79,5% rispetto al 2019”.

Nuove soluzioni

“Per fronteggiare questa emergenza – ha aggiunto Alessandra Locatelli – i Centri antiviolenza e le Case rifugio hanno dovuto adottare nuove modalità di intervento. In grado di assicurare un’adeguata capacità di risposta alle richieste di aiuto, di assistenza e di protezione”.

Rimborso fino a un massimo di 4.500 euro

“Lo stanziamento – ha continuato – è volto a offrire un rimborso pari al 70% e fino a un massimo di 4.500 euro. E va a copertura delle spese sostenute dagli enti gestori per ciascuna struttura gestita”. “Promuovendo – ha concluso l’assessore Locatelli – anche la messa a sistema di nuove soluzioni utilmente sperimentate durante il periodo emergenziale. E volte a migliorare la capacità organizzativo-gestionale del sistema di prevenzione e protezione anche nel caso di eventuali future emergenze”.

gus

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

siap convegno lombardia
L'assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità,
leva civicalombardia
Centododici progetti ammessi e finanziati grazie al contributo regionale di 1.919.313 euro al quale si devono aggiungere 213.257 euro di cofinanzi ...
Contrasto disagio minori
Un incremento di un milione di euro alla dotazione finanziaria per il contrasto al disagio dei minori. Lo prevede la delibera approvata dalla Giunta della ...
sprint lombardia insieme 2024
Apre giovedì 30 maggio 2024 il Bando 'Sprint! Lombardia Insieme', la misura varata dalla Giunta regionale su proposta dell'
autismo impegno inclusione
Autismo, impegno e inclusione, prende il via IN&AUT. "Oggi ospitiamo qualcosa di eccezionale, un momento di grande impegno e determinazione per realizzare, sempre di più e sempre meglio, l'inc ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima