Centri antiviolenza, Piani: priorità è investire sulla prevenzione

linee di intervento centri antiviolenza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Presentate le linee di intervento ai componenti della rete

Centri antiviolenza, riunito Tavolo con assessore regionale

“Il sistema regionale dei centri antiviolenza si è riunito nel Tavolo con la partecipazione di tutti gli attori per discutere le linee di intervento. Rappresenta un passo in avanti fondamentale per l’attuazione del Piano quadriennale approvato a febbraio”. Così l’assessore regionale alla Famiglia, Genitorialità e Pari opportunità, Silvia Piani, è intervenuta nell’ambito della videoconferenza a cui hanno preso parte i rappresentanti della rete lombarda. Nell’occasione sono state presentate le linee di intervento e di finanziamento per ogni area tematica prevista dal Piano e nell’ambito della programmazione 2020-2021.

Avvio di una nuova fase

“Si avvia così una nuova fase – ha puntualizzato Piani – per rilanciare il nostro impegno nel contrasto alla violenza sulle donne, secondo le quattro linee di intervento (progetti per vittime minorenni, sostegno abitativo per le vittime, informazione e prevenzione, programmi per uomini maltrattanti), con l’aggiunta  di iniziative speciali per fronteggiare l’emergenza Covid-19“.

Priorità: sostegno alla genitorialità e inserimento lavorativo

Tra le priorità di Regione Lombardia si sottolineano in particolare gli interventi educativi e di sostegno alla genitorialità per donne minorenni vittime. Per casi come questi sono disponibili risorse 450.000 euro.

Gli interventi

Gli interventi per l’inserimento lavorativo della donna maltrattata e l’accompagnamento verso il rafforzamento delle proprie potenzialità l’empowerment sono finanziati con  415.000 euro). Le iniziative di formazione e comunicazione dispongono di 155.000 euro sui vari programmi.

La sanificazione

A questi, si aggiungono oltre a 200.000 euro per la sanificazione dei centri antiviolenza. Nonchè il reperimento di soluzioni abitative protette e temporanee in linea con le norme sanitarie.

I componenti

Nominato il Comitato di Coordinamento a supporto dell’operatività del Tavolo Permanente Antiviolenza. Lo compongono Rossana Angela Giove, direttore sociosanitario Ats Città di Milano; Fabio Roia, presidente Sezione Autonoma Misure di Prevenzione Tribunale di Milano; Cecilia Nardelli viceprefetto aggiunto Ufficio Territoriale del Governo di Milano. Nonchè l’assessore all’Inclusione sociale del Comune di Busto Arsizio, Osvaldo Attolini, e la fondatrice e coordinatrice del Cav Telefono Donna Milano, Stefania Bartoccetti.

Prevenzione asse portante per i centri antiviolenza

“La prevenzione – ha concluso Piani – resta  il territorio che dobbiamo presidiare per vincere questo terribile fenomeno. Durante il periodo del lockdown, i fenomeni di maltrattamento sono rimasti purtroppo sommersi. Ovvero è accaduto che tante vittime erano a casa con il proprio maltrattante”.

str

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

festival inclusione 2022
"Tutti siamo uguali". E Regione Lombardia l'ha ribadito all'auditorium 'Testori' con il
autismo progetti Lombardia
La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell'assessore regionale a Famiglia, Solidarietà sociale, Dis ...
regione politiche famiglia
La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell'assessore regionale a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità,
case di comunità pavia
L'assessore a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità di Regione Lombardia,
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima