Giovanni Storti testimonial campagna informativa su Popillia Japonica

controllo popillia japonica
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Insetto provoca danni in agricoltura e a campi sportivi

Piano di controllo della Popillia Japonica ai nastri di partenza. Da qualche giorno i coleotteri della specie, conosciuta come ‘Popillia‘ o ‘scarabeo giapponese‘, hanno iniziato ad emergere dai prati dove hanno passato l’inverno allo stadio di larva. Come negli anni precedenti, da quando, nel 2014, questo nuovo parassita delle piante è stato ritrovato per la prima volta in Europa, in un’area del parco del Ticino al confine tra Lombardia e Piemonte, il Servizio Fitosanitario di Regione Lombardia è impegnato nell’attuazione del piano di contrasto.

“Le attività di lotta, concordate a livello nazionale, – ha spiegato l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi – hanno lo scopo di contenere la popolazione del coleottero e interessano l’area in cui l’insetto è attualmente presente nelle province di Varese, Como, Lecco, Monza e Brianza, Milano, Lodi, Pavia, Bergamo, Cremona. La Popillia può creare seri danni all’agricoltura oltre a deturpare piante ornamentali e rendere impraticabili campi sportivi. Per questo sui social di Regione Lombardia diffonderemo il video di sensibilizzazione con protagonista d’eccezione Giovanni Storti“.

Le trappole, primo e secondo tipo

Il piano di controllo prevede l’utilizzo di due tipologie di trappole, una con funzione “attract and kill” e l’altra per la cattura massale. Le trappole del primo tipo sono quasi 3000 e sono formate da un treppiede ricoperto da una rete impregnata di insetticida, attirano il coleottero tramite esche specifiche e lo portano a morte. I tecnici del Servizio Fitosanitario le stanno posizionando sul territorio delle aree di più recente infestazione proprio in questi giorni. Le trappole del secondo tipo sono formate da contenitori di plastica sagomati per attirare e catturare i coleotteri con l’aiuto di specifici attrattivi. Queste ultime sono già tutte posizionate, sono controllate settimanalmente e forniscono i dati sull’andamento dell’infestazione.

Ogni trappola è abbinata ad un cartello informativo e contrassegnata da un codice. Il Servizio Fitosanitario chiede la collaborazione di tutti i cittadini perché le trappole non vengano spostate, sottratte o manomesse.

Attenzione in orti e giardini privati

L’utilizzo di trappole è fortemente sconsigliato in orti o giardini privati in quanto il loro potere attrattivo è di molto superiore alla capacità di cattura e di conseguenza la vegetazione che si vuole proteggere, foglie, fiori e frutti, subisce invece danni ancora più rilevanti.

Controllo Popillia Japonica, istruzioni per l’uso

Per controllare Popillia japonica nei giardini, negli orti o sui terrazzi, il Servizio Fitosanitario consiglia di raccogliere manualmente i coleotteri in un secchiello con una soluzione di acqua e sapone. Per proteggere i frutti è possibile invece coprire la chioma degli alberi con una rete antinsetto; questa deve essere scossa al mattino presto quando i coleotteri sono pressoché immobili.

Trattamenti solo con infestazioni importanti

Il ricorso a trattamenti insetticidi è giustificato esclusivamente in presenza di infestazioni importanti. In questo caso è necessario seguire attentamente le indicazioni del Servizio Fitosanitario. Si ricorda che l’effetto del trattamento è di breve durata perché l’insetto è molto mobile e sono possibili nuove infestazioni dalle aree verdi limitrofe. Tutte le informazioni e le indicazioni per il controllo di Popillia japonica sono disponibili su fitosanitario.regione.lombardia.it.

ver

Ottimizzato per il web da:
Emanuele Vertemati
0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò
La Regione Lombardia ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni registrati alle strutt ...
pest suina barriera cinghiali
Assessore: lavoro di squadra per scongiurare disastro economico Una barriera frutto del lavoro di squadra in Lombardia contro la peste suina per scongiurare il disastro economico legato al ...
drone nelle coltivazioni
Esito molto positivo per la prova sul campo di un drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari nelle coltivazioni della Lombardia eseguita nell'oliveto dell'azienda ...
appello filiera cerealicola
Assessore: aumentare produzione nazionale per tutelare approvvigionamento e Dop La Regione Lombardia condivide l'appello delle organizzazioni della filiera cerealicola, zootecnica ed alime ...
lombardia droni in olivicoltura
Prova a Desenzano del Garda (Bs) con assessore all'Agricoltura e Aipol Novità in Lombardia, prima Regione a sperimentare i droni nelle coltivaz ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima