Coronavirus, Galli: no a rigurgito centralista, da premiare con autonomia regioni virtuose

coronavirus autonomia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“No a un rigurgito centralista da parte del Governo, Pd e Iv stanno strumentalizzando la tragedia del coronavirus per rilanciare il loro progetto centralista già bocciato due volte in tempi recenti dai cittadini lombardi pro autonomia e italiani”. Lo afferma l’assessore regionale all’Autonomia e Cultura, Stefano Bruno Galli.

Riforma centralista bocciata nel 2016

“Nel dicembre 2016 – aggiunge l’assessore – lo ricordiamo a Orlando e alla Boschi che parlano di centralizzare le competenze regionali in materia sanitaria. I cittadini hanno bocciato la loro riforma costituzionale centralista che svuotava le Regioni delle proprie competenze”.

Referendum 2017, da Lombardia e Veneto richiesta di maggiore autonomia

“Meno di un anno dopo – evidenzia Galli – nell’ottobre 2017, milioni di cittadini lombardi e veneti hanno chiesto, con un referendum consultivo territoriale, una maggiore autonomia per le loro Regioni. Il cambio di Governo nel 2019 ha purtroppo bloccato l’iter dell’autonomia regionale ex articolo 116 della Costituzione”.

Da Covid19 emerge eccellenza organizzazione sanitaria lombarda

“Tuttavia i fatti – dice ancora l’assessore all’Autonomia e Cultura – in questa emergenza connessa alla diffusione del Covid19, hanno dimostrato che l’eccellenza dell’organizzazione sanitaria in Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, le tre Regioni che hanno avviato l’iter per l’autonomia regionale differenziata, è stata decisiva nel fronteggiare l’epidemia. Ciò è avvenuto ‘malgrado’ lo Stato, sordo alle richieste e alle sollecitazioni regionali. Sono i fatti a confermare la necessità di dare maggiore autonomia alle Regioni virtuose. Se l’avessero avuta avrebbero dimostrato tutta la loro efficienza, varando delle misure sicuramente più incisive per contrastare l’epidemia. Misure poi adottabili anche da altre regioni”.

Visione centralista non realistica

“La dinamica e i tempi di diffusione dell’epidemia dimostrano infatti – conclude Galli – che non è realistico avere una visione centralista, negando le legittime richieste di autonomia differenziata a Lombardia, Veneto ed Emilia”.

mac

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Al via al Meet Digital Culture Center di Milano la quinta edizione del meeting europeo 'The New Atlas of Digital Art'. La convention, in programma oggi e domani, è dedicata interamente all’arte ...
Regione Piccolo Teatro
“Siamo al lavoro per definire e avviare una collaborazione che aiuterà a diffondere eventi di grande spessore artistico-culturale in contesti insoliti, così da raggiungere fasce sempre più amp ...
palazzo minoletti
Uno stanziamento di 2 milioni di euro nel triennio 2024-2026 per la riqualificazione dello storico Palazzo Minoletti, nel centro storico di Gallarate, che diventerà un polo formativo di alta speci ...
musica classica periferie
Tappa a Milano domani, sabato 15 giugno, per 'Luoghi Insoliti, Spettacoli Straordinari: Quartieri in Concerto', la rassegna con cui
musica classica Aler
Regione Lombardia porta la grande musica classica nelle periferie, attraverso una rassegna di concerti in programma a giugno ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima