Presidente Lombardia in Valtellina: guardare ai territori più decentrati

fontana crisi territori
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Secondo il presidente della Regione Lombardia per contrastare la crisi occorre guardare anche verso territori più piccoli e decentrati. “Il contesto attuale – ha detto intervenendo a Mantello (Sondrio), con gli assessori regionali alla Montagna e all’Agricoltura, al convegno ‘Valtellina 2030 – per costruire insieme uno sviluppo sostenibile‘ –  è critico ed eccezionale. Guerra, crisi energetica, carenza di materie prime, inflazione e instabilità internazionale gravano su famiglie, imprese e lavoratori già provati da oltre due anni di pandemia. Chi governa ha il dovere di fornire risposte coordinate e urgenti; che abbiano una prospettiva di lungo periodo e che tengano conto delle nuove esigenze emerse, anche a fronte dell’attuale crisi internazionale”.

Il presidente ha evidenziato come la Valtellina “sia caratterizzata dalla voglia di fare, dalla capacità di adattarsi ai cambiamenti e di guardare al domani, contrastando contrastare il fenomeno dello spopolamento”.

Presidente, contro la crisi colmare divari nei territori

Il governatore ha quindi evidenziato che “l’emergenza Coronavirus, ieri, e l’emergenza-energia, oggi, hanno mutato le dinamiche di relazione tra le grandi città e i centri più piccoli e periferici; tra le aree a maggior tasso di industrializzazione e quelle a più spiccata vocazione agricola; tra le aree urbane e le aree interne, ampliando un evidente divario in termini di connessioni materiali come infrastrutture viarie, ferroviarie e connessioni immateriali”.

Strategia aree interne punta a promuovere sviluppo locale

“L’orizzonte verso il quale ci muoviamo – ha aggiunto il presidente – vede la Lombardia come una grande Smartland. La nostra ‘Strategia delle Aree Interne‘, che stiamo promuovendo e facendo conoscere in tutta la Lombardia, è lo strumento per promuovere lo sviluppo locale, attraverso un approccio integrato e multilivello, che mira a valorizzare le risorse naturali e culturali, creando nuove opportunità di occupazione”.

“Le parole chiave di queste strategie – ha concluso – sono infatti: coesione, quale fattore di attrattività territoriale; sostenibilità, il principio-guida delle politiche regionali; e qualità, dei servizi e degli interventi”.

gal

Ottimizzato per il web da:
emanuele vertemati

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Italia regioni competenze
“Il Festival che inauguriamo in Lombardia, e che proseguirà il suo viaggio in tutti i territori che noi presidenti abbiamo l’onore di amministrare, contribuirà a rilanciare il
Italia delle Regioni intervento Salvini
"Vorrei che nei prossimi anni il ministero delle Infrastrutture diventasse la casa dei sindaci e dei governatori. Quello che vivevo negativamente dall'altra parte della barricata era il mancato coi ...
autonomia meloni
Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, intervenendo in videocollegamento durante l'evento '
Calderoli Autonomia
Il ministro Roberto Calderoli  interviene sull'Autonomia e sul rapporto con gli enti locali: "Facendo un primo bilancio, dopo 45 giorni di insediamento del Governo, posso dire di aver incontrato t ...
Italia delle Regioni Fontana con Fedriga
"L'ambiguità normativa può diventare un'emergenza democratica, una istituzione deve sapere con chiarezza come agire per rispettare la legalità. È inaccettabile che un sindaco non abbia la cer ...
Fontana obiezioni Autonomia
”Vorrei capire quali sono le obiezioni all’Autonomia. Sento affermazioni generiche che però non entrano nel ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima