Delibera regionale asili nido, Bolognini: più flessibilità pro famiglie

delibera regionale asili nido
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“Nessuna contrazione, ma flessibilità nella gestione di un servizio importante per le famiglie, che così potranno contare su un’impostazione che permetterà loro di conciliare meglio i tempi del lavoro e quelli famigliari”, così l’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità Stefano Bolognini replica alle obiezioni sollevate dai sindacati, in merito alla Delibera Regionale 2662 del 16/12/2019, ‘Revisione e aggiornamento dei requisiti per l’esercizio degli asili nido’, domani in audizione in commissione al Consiglio Regionale.

Prospettiva positiva di incremento posti di lavoro

“Ancora una volta – ha spiegato l’assessore -, le organizzazioni sindacali descrivono una realtà differente da quanto dichiarato nei provvedimenti regionali. Non c’è alcun peggioramento delle condizioni lavorative di educatori e educatrici ma, anzi, sotto certi aspetti, relativamente al rapporto tra educatori e bambini, si potrebbe ipotizzare un incremento di posti di lavoro”.

Introdotta con delibera regionale asili nido più flessibilità per aiutare le famiglie

La delibera regionale introduce degli elementi di flessibilità. Questi non vanno affatto nell’ottica della riduzione del numero dei posti, rispetto a questi servizi fondamentali per le famiglie Lombarde. “Introdurre un calendario modulato in giorni minimi di apertura, anziché in settimane, consentirà – chiarisce l’assessore – di andare maggiormente incontro alle famiglie e di superare eventuali differenze all’interno dei calendari dei poli dell’infanzia, in via di definizione”.

I volontari come risorsa in più

Da ricordare, infine, che rientra nell’autonomia organizzativa di ciascun asilo nido modulare il rapporto educatori/bambini rispetto all’età dei ‘piccoli utenti’. Va fatto sulla base del progetto educativo dichiarato nella carta dei servizi e, quindi, facilmente verificabile dalle famiglie. “L’inserimento della figura del volontario nella gestione dei servizi – conclude l’assessore – resta comunque una risorsa. E non sostituisce il personale, che deve essere comunque sempre garantito”. (LNews)

dbc

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

San Siro rigenerazione urbana
L'intesa tra Regione Lombardia, Politecnico e Aler Milano La rigenerazione urbana del quartiere San Siro di Milano compie un altro passo avanti. È infatti stata approvata dalla Giunta reg ...
affitti libero mercato
Regione Lombardia scende nuovamente in campo per sostenere gli affitti sul libero mercato. La Giunta regionale ha infatti approvato una delibera ...
Superbonus 110% case Aler
L'impegno della Regione Lombardia per riqualificare il patrimonio pubblico Sostenere i costi relativi a spese non detraibili con il superbonus 110% nelle case Aler. Questo l'obiettivo dell ...
residenze universitarie graduatoria bando
In programma anche efficientamento energetico e riqualificazione Approvata la graduatoria del bando< ...
Aler Milano alloggi sfitti
Assessore: in programma progetto sperimentale con tecnologia domotica Oltre 12 milioni ad Aler Milano per riqualificare 450 alloggi sfitti. È infatti di 1 ...
Progetto Casa Aler
Moratti e Mattinzoli: strutture socio sanitarie a servizio degli abitanti La vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima