Da Ue follia anti allevamenti, Regione: no a burocrazia e a carne sintetica

direttiva europea allevamenti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Rolfi: Lombardia cuore della zootecnia, no visioni ideologiche

Regione Lombardia in campo contro la proposta di direttiva europea con nuovi limiti per gli allevamenti con più di 150 capi.

La battaglia Ue contro gli allevamenti

“L’Unione europea – ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, Fabio Rolfi – vuole estendere oneri burocratici a un numero sempre più alto di allevamenti, allargando il perimetro di applicazione delle norme sulle emissioni industriali anche agli allevamenti bovini e abbassando la soglia di applicazione per quelli avicoli e suini”.

Rolfi: una follia senza senso

“Un’altra follia senza senso – ha commentato – che penalizza soprattutto la Lombardia, cuore della zootecnia italiana, in un momento di estrema difficolta per gli allevatori che stanno affrontando un aumento spropositato dei costi di produzione”.

Da Lombardia il 50% dei suini e il 45% del latte italiano

direttiva europea allevamenti“Nella nostra regione – ha ricordato l’assessore – si alleva oltre il 50% dei suini italiani, il 25% dei bovini da carne, e si produce il 45% del latte italiano. Non possiamo continuare a subire in silenzio l’azione dei burocrati di Bruxelles. I quali, per interessi economici e per una visione anti-impresa, continuano a penalizzare la nostra zootecnia. Di fatto la nuova proposta di direttiva prevede infatti che gli allevamenti vengano considerati come stabilimenti industriali. Dovranno dunque sottostare a rigide norme in materia di controlli e autorizzazione con livelli di burocrazia e costi insostenibili in particolare per le realtà meno strutturate”.

No a carne sintetica

“È ormai quindi evidente – ha aggiunto – il tentativo dell’Ue di favorire la produzione di carne sintetica e una dieta a base di insetti”.

Chiederemo sostegno del Governo e degli europarlamentari lombardi

“Le aziende agricole lombarde – ha detto l’assessore – stanno facendo investimenti enormi in materia di sostenibilità ambientale. Bisogna infatti raggiungere gli obiettivi puntando sull’innovazione dei mezzi e delle tecniche di produzione, non stringendo la burocrazia e penalizzando gli imprenditori”. “Su questo tema – ha concluso Rolfi – chiederemo il sostegno del Governo italiano e di tutti gli europarlamentari lombardi che incontrerò a fine mese a Bruxelles”.

gus

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

fondo eccellenze lombardia
"Il Fondo per le eccellenze lanciato  dal Governo è un'ottima soluzione per promuovere e sostenere la storia e la qualità del nostro patrimonio agroalimentare. Rappresenta una grande occasione d ...
fiera cremona 2023
"L'eccellenza raggiunta dall'agricoltura lombarda è certificata da questa fiera che rappresenta il massimo della visione che questo settore ha del lavoro e dell'etica del lavoro. Qui si vede la vo ...
peste suina nel pavese
La Commissione europea ha ufficializzato un allentamento delle restrizioni che interessavano 172 Comuni della provincia di Pavia in seguito ai focolai di PSA-Peste ...
bando frantoi
Aprirà lunedì 6 novembre il bando regionale dedicato all'ammodernamento dei frantoi oleari< ...
prevenzione antincendio boschivo
Regione Lombardia stanzia 1,3 milioni di euro per la redazione dei Piani Locali di Prevenzione antincendio boschivo per il bienno 2023-2024. È quanto previsto da una delibera approvata dalla Giunt ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima