esondazine panaro emilia

Foroni: le squadre provengono da Cremona, Brescia e Lodi

Sono operative presso l’area di ammassamento di Nonantola (Mo) le squadre, composte da 88 volontari della Protezione civile lombarda, che offriranno supporto a chi sta operando in Emilia nelle zone si è regitsrata l’esondazione del fiume Panaro.
Domenica 6 dicembre mattina, il corso d’acqua ha travolto l’argine a monte dell’abitato di Nonantola, a circa 10 km da Modena in direzione di Ferrara, lungo la Strada Provinciale 255, la cosiddetta Nonantolana.
Ne dà notizia l’assessore al Territorio e Protezione civile della Regione Lombardia, Pietro Foroni, che si è attivato immediatamente accogliendo l’appello inviato dalla Regione Emilia-Romagna.

La ‘task force’

esondazione panaro emilia

“I componenti della nostra ‘task force’ – precisa l’assessore – provengono dalle province di Cremona, Brescia e Lodi. Abbiamo offerto il nostro supporto all’Emilia su indicazione del Dipartimento nazionale di Protezione civile. Nell’area assegnata, opereremo con i volontari inviati dalla Regione Piemonte”.

I compiti delle squadre lombarde

esondazione panaro emilia

Le squadre che si occuperanno dello sgombero del fango dalle zone colpite dal maltempo saranno autonome. Con dotazione di motopompe, carriole, pale e tutto ciò che è necessario per gestire situazioni di criticità come quella, nel Modenese, dovuta a una situazione meteo definita dai tecnici più che eccezionale. Che ha sommato lo scioglimento della neve in quota – 40 centimetri di manto nevoso diventato acqua in pochissime ore – a piogge a carattere torrentizio.

La nostra Regione fa, anche questa volta, la sua parte

“Regione Lombardia fa la sua parte anche in questo caso – sottolinea l’assessore Foroni – convinti, da sempre, che il nostro supporto tecnico e professionale sarà un prezioso aiuto per chi sta già operando sul posto. In particolare, i nostri volontari si occuperanno di liberare gli scantinati sommersi da fango e macerie. Tengo a precisare che le nostre squadre si muoveranno con al seguito tutte le dotazioni necessarie. Primi fra tutti i Dispositivi di Protezione individuale che, soprattutto in situazioni come queste, sono indispensabili. Al fine di garantire sicurezza a chi interviene e a chi riceve l’aiuto”.

Grande impegno dei volontari lombardi

“Un’altra testimonianza – conclude Foroni – di grande impegno e di estrema disponibilità dei nostri volontari di Protezione civile, sempre pronti ad intervenire quando chi vive situazioni di emergenza ci chiama. Anche in questo caso, a tutti loro, e alle loro famiglie, va il ringraziamento dell’intera Giunta regionale della Lombardia”.

ben/gus