Frana Tavernola, Foroni: intesa con tre Università per trovare le cause

frana monte saresano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore: entro tre mesi il risultato, fondi solo da Regione

Frana del monte Saresano (Tavernola Bergamasca), la Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni, un accordo di collaborazione per uno studio di approfondimento della frana del monte Saresano nel Comune bergamasco. L’intesa è stata sottoscritta con il Centro per la protezione civile dell’Università degli Studi di Firenze, il dipartimento di Scienze dell’ambiente e della terra dell’Università degli Studi di Milano Bicocca e il dipartimento di Ingegneria civile e ambientale del Politecnico di Milano. Con un contributo di 60.000 euro per il 2021.

Frana Tavernola, altre risorse per approfondire cause dissesto

“L’accordo – ha spiegato Foroni – consente di approfondire la conoscenza di un dissesto che si è rivelato tra i più pericolosi nel territorio regionale. Lo studio dovrebbe concludersi entro tre mesi. Gli esiti dovrebbero consentire d’individuare le cause e attuare in tal modo gli interventi programmatici e funzionali per mitigare i rischi connessi al movimento del versante montagnoso”.

Dalle Commissioni parlamentari un nulla di fatto

“L’atto di oggi, lunedì 26 aprile – ha aggiunto l’assessore – mette in luce l’interessamento incessante della Lombardia. Rivolte ai Comuni e agli Enti coinvolti nell’evento franoso. E ai loro cittadini”.

“Ha suscitato in effetti delusione – ha detto Foroni – l’esito improduttivo delle audizioni di venerdì scorso delle Commissioni parlamentari Difesa e Transizione ecologica. Mi sarei aspettato una presa di posizione netta da parte del Governo, con stanziamenti e misure per la gestione dell’emergenza. Ancora una volta ho riscontrato che lo Stato centrale prende tempo”.

Da Regione uno stanziamento totale di 575.000 euro

“Abbiamo assistito a passerelle, parole e proclami – ha ricordato Foroni – mentre constato che solo Regione Lombardia fin dall’inizio ha messo a disposizione le risorse economiche necessarie per affrontare le prime attività di prevenzione”. Per un totale di 575.000 euro con l’ultimo stanziamento di 60.000. Risorse che sono state così distribuite: 100.000 euro per le attività di monitoraggio e l’acquisto di strumentazioni per l’emergenza, 50.000 euro alle Comunità montane dei Laghi bergamaschi e del Sebino Bresciano per l’aggiornamento dei piani d’emergenza; 250.000 euro per il potenziamento delle difese dalla caduta massi; 100.000 euro per la sistemazione della strada di collegamento con Parzanica, 15.000 euro infine all’Autorità di bacino lacuale del lago d’Iseo.

Grazie a Belotti e ai parlamentari che si stanno attivando

“In effetti è nuovamente Regione Lombardia – ha concluso l’assessore –  a intervenire con 60.000 euro per dare una risposta ai Comuni e agli Enti interessati. Da tempo invocano soluzioni invano. Ringrazio il deputato Daniele Belotti e gli altri parlamentari che si stanno attivando per affrontare la situazione, al di fuori dal perimetro regionale e con concretezza”.

ver/ama

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

piani protezione civile
Foroni: così incentiviamo percorsi di aggiornamento Contributi ai piccoli Comuni lombardi per inserire i '
foroni contributi volontari
Erogati 200.000 euro per Centri di Coordinamento provinciali La Giunta regionale, su proposta ...
maltempo laglio
In provincia di Bergamo, ad Ardesio, registrata una caduta massi Nuovi pesanti danni nel Comasco, dopo le precipitazioni intense delle ultime ore. Nel Comune di La ...
esondazione torrente Camposanto
Segnalati fenomeni anche in provincia di Como, Lecco, Sondrio e Brescia La Colonna Mobile Regionale è intervenuta a Casalzuigno (VA), con mezzi movimento a terra per fornire supporto agli ...
Protezione civile Dipartimento nazionale
I fondi serviranno per il ripristino di mezzi e attrezzature Il capo Dipartimento nazionale di Protezione civile ha approvato il piano di r ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima