Gas salva i neuroni dopo arresto cardiaco: primo paziente al mondo a Milano

gas arresto cardiaco
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

La sperimentazione avviata al Policlinico milanese

C’è un gas che protegge i neuroni in caso di arresto cardiaco, ovvero quando il cuore si ferma e viene a mancare l’ossigeno. Si tratta dell’Argon, un elemento chimico che potrebbe cambiare radicalmente le prospettive di guarigione nelle persone colpite da questa patologia. Il gas sarebbe in grado di preservare il più possibile il cervello dei pazienti, limitando di molto i danni neurologici. E migliorando sensibilmente il recupero delle funzioni cognitive.
All’Ospedale Policlinico di Milano è in corso un studio per dimostrare tutto questo. Ed è appena stato trattato con il gas Argon il primo paziente al mondo. Si tratta di un uomo di circa 60 anni che dopo una settimana di ricovero è tornato a casa in perfette condizioni. Le statistiche, invece, dicono che in Italia solo l’8% dei pazienti sopravvive a un arresto cardiaco senza gravi esiti neurologici o senza disabilità.
L’idea di utilizzare l’Argon per trattare i pazienti in arresto cardiaco, come spiegano sul sito del Policlinico, è oggetto di studi scientifici già dal 2012 ed è nata grazie a Giuseppe Ristagno, anestesista del Dipartimento di Anestesia-Rianimazione ed Emergenza Urgenza diretto da Antonio Pesenti, che collabora da tempo anche con l’Istituto Mario Negri. Ristagno ha sviluppato le prime intuizioni sull’Argon insieme a Silvio Garattini e a Roberto Latini del Mario Negri. E ha dato il via alle sperimentazioni sugli animali, con diversi risultati molto promettenti. Dopo 10 anni di ricerca scientifica, è stato possibile iniziare la sperimentazione sull’uomo. I primi dati sono dunque confortanti.

Il nome dell’Argon deriva dal termine greco ‘argos’ che significa pigro. In effetti si tratta di un gas inerte. Ovvero è stabile e reagisce poco volentieri con altri elementi chimici. Costituisce quasi l’1% della nostra atmosfera. E’ quindi molto abbondante in natura e particolarmente economico da utilizzare.

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

trauma team niguarda
Lei è Stefania Cimbanassi, 51 anni, medico chirurgo e dal 2023 direttrice della Chirurgia generale Trauma Team dell'Ospedale Niguarda di Milano. La notte dello scorso 8 maggio, in una manciata di ...
cuore e prevenzione
Il 54%*degli italiani ritiene di non essere a rischio: al contrario, le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte sia in Italia (30,8%**) sia in Europa***. Anc ...
boom nascite mangiagalli
Boom di nascite alla Clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano. Martedì 11 giugno '24 è stato un giorno da reco ...
morbo crohn
Buone notizie dal trial Clinico ATTIC che, grazie ad un lavoro fra 6 ospedali italiani di cui 2 lombardi (l'
pavia endoscopia digestiva
La Struttura Complessa (SC) di Endoscopia Digestiva di ASST Pavia, diretta dalla dott.ssa Costanza Alvisi, ha ottenuto il prestigioso riconoscimento di Centro di Eccellenza Nazionale per l’Endosc ...
volo salva vita
Non è in pericolo di vita il bimbo di due anni trasportato il 2 aprile '24 con un volo sanitario, su un Falcon 900 dell'Aeronautica militare italiana, da Catania - dove era ricoverato nel reparto ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima