Lombardia Notizie / Enti locali, montagna e risorse

Rifugi e alpeggi, Sertori: 5,6 milioni per contrastare ‘scarsità’ idrica

Lombardia bando piccoli bacini
Assessore Sertori: definite modalità del nuovo 'Bando bacini', presentazione domande da lunedì 25 settembre

Con la nuova iniziativa denominata ‘Bando piccoli bacini’, Regione Lombardia finanzia 5,6 milioni di euro, a fondo perduto, per interventi di realizzazione, ripristino e manutenzione straordinaria di piccoli bacini e sistemi di raccolta e stoccaggio delle acque, nonché dei relativi sistemi di adduzione e distribuzione.

Presentazione domande su piattaforma Bandi online

Le domande potranno quindi essere presentate a partire da lunedì 25 settembre entro il 1° dicembre 2023. Le richieste dovranno essere inserite tramite la piattaforma Bandi online, all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it.

Lombardia, ‘Bando piccoli bacini’ risorsa importante

massimo sertori “Il nuovo bando – ha spiegato l’assessore agli Enti locali, Montagna, Risorse energetiche e Utilizzo risorsa idrica, Massimo Sertori – definisce modalità e tempi della procedura per l’assegnazione delle risorse. Abbiamo l’obiettivo di sostenere concretamente l’attività agricola (malghe e alpeggi) e ricettiva (rifugi) e di assolvere le funzioni di antincendio boschivo nei territori montani”.

Contrasto alla ‘scarsità’ idrica

“Attraverso questa azione strutturale – conclude Sertori – intendiamo contrastare i fenomeni di ‘scarsità’ idrica, contribuendo contestualmente alla salvaguardia e alla valorizzazione dei territori montani lombardi”.

Destinatari del bando

Le risorse sono destinate a enti pubblici e a soggetti privati, quali Comuni montani o parzialmente montani e loro Unioni, Comunità Montane. Beneficiari, inoltre, anche imprese agricole, imprenditori agricoli, proprietari e gestori di malghe, alpeggi e rifugi e consorzi forestali e d’alpeggio.

Il contributo massimo riconoscibile è pari al 50% della spesa ammissibile e per un importo massimo pari a 100.000 euro. Per i Comuni con popolazione sino a 5000 abitanti e per le Comunità Montane il contributo è quindi riconosciuto fino al 90% della spesa per gli interventi.

Interventi finanziabili

Gli interventi finanziabili sono quindi:

  • realizzazione, ripristino e manutenzione straordinaria di piccoli invasi e sistemi di raccolta e riuso delle acque;
  • realizzazione, ripristino e manutenzione straordinaria di sistemi di adduzione e distribuzione delle acque, anche in pressione, collegati agli invasi o ai sistemi di raccolta di acque;
  • ampliamento e manutenzione straordinaria di vasche fisse o mobili di raccolta delle acque per l’antincendio boschivo, nonché dei relativi sistemi di adduzione;
  • realizzazione, ripristino e manutenzione straordinaria di punti di abbeverata (vasche, pozze, etc);
  • realizzazione e manutenzione straordinaria di impianti di filtraggio, trattamento e potabilizzazione delle acque;
  • creazione di nuove vasche fisse o mobili per l’antincendio boschivo se ricadenti nei territori in classe di rischio degli Enti con competenza AIB 3 (elevata) di cui al Piano Regionale delle attività di prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2023.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima