rimpatrio clandestino mantova

L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale ed Immigrazione, Riccardo De Corato, ha commentato il decreto di ‘trattenimento ai fini dell’espulsione dall’Italia’ nei confronti di un cittadino marocchino emesso dal questore di Mantova, Paolo Sartori, che dispone il rimpatrio del clandestino.

Strada giusta

“Questa continuo a ribadirlo – afferma l’assessore De Corato – è la strada giusta. Stranieri clandestini e con precedenti vanno espulsi e rimpatriati tramite i Cpr. Apprendo quindi positivamente che anche Mantova, con il rimpatrio del clandestino, segue gli esempi di Bergamo, Milano e Lecco, città in cui recentemente si sono verificati episodi simili. In Lombardia, secondo i dati di Orim e Polis, sono circa 112.000 gli irregolari presenti, chissà quanti di questi vivono compiendo azioni illegali. Primi in Lombardia sono i clandestini provenienti dal Marocco con 10.440 soggetti”.

Procedure più snelle con cpr

“Le ‘procedure’ di rimpatrio – conclude l’assessore De Corato – presto saranno ancora più semplici e veloci grazie all’imminente apertura a Milano, come confermato dal Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, del Cpr di via Corelli, struttura che lo scorso settembre avevo visitato. Per verificare lo stato di avanzamento dei lavori e che tornerò a visitare ancora nei prossimi gironi”.

mac