città salute firma

Fontana e Gallera: atto decisivo per realizzazione opera

Così viene premiata la nostra perseveranza

Dalla complessità burocratiche al progetto esecutivo e quindi l’inizio lavori. È il messaggio, basato sulla concretezza, lanciato, a Palazzo Lombardia, nel corso della firma dell’accordo definitivo per la realizzazione e la gestione in concessione, per 27 anni, della Città della Salute della Ricerca nelle ex aree Falck a Sesto San Giovanni. Un atto fondamentale, un punto di svolta per la realizzazione di questa grande e importante opera.

Fontana: due eccellenze verso la creazione di un grande hub che ha al centro la ricerca

All’incontro hanno partecipato anche il presidente, Attilio Fontana e l’assessore al Welfare, Giulio Gallera.  “Quello odierno – ha detto il governatore, firmando simbolicamente l’accordo –  è un passo importante che rappresenta sia la fine di un percorso pieno di ostacoli, quale è stato l’iter che ci ha portati alla firma della concessione, sia l’inizio di una fase progettuale e realizzativa che unirà, con concretezza, due eccellenze della cura e della ricerca lombarde verso la creazione di un hub di caratura internazionale. Proprio la ricerca, in questo senso, è un driver che abbiamo messo al centro delle politiche regionali e dello sviluppo della Lombardia del futuro”.

Grande risultato

“Sono convinto che sia un grande risultato, ora – ha concluso il presidente – occorre proseguire con determinazione nel rispetto del cronoprogramma per far sì che si inizino presto i lavori. Grandi saranno i vantaggi per i cittadini sia sotto il profilo della cura che sotto quello della ricerca”.

Fontana città salute

Gallera: un ecosistema per i cittadini e i pazienti, proiettato verso il futuro

“Un progetto – ha spiegato l’assessore Gallera – nel quale Regione Lombardia ha creduto sin dall’inizio, fornendo tutto il suo supporto e mantenendo sempre, come priorità, i vantaggi, per i pazienti, che risulteranno dalle sinergie tra i due Ircss coinvolti. Sarà un ecosistema proiettato verso il futuro”. “Un intervento atteso – ha aggiunto – sia dai cittadini che dagli operatori del settore che, mai come in questo caso, riesce a coniugare due punti fermi del nostro modo di operare: cura del paziente e ricerca per migliorare la qualità della vita dei lombardi e, più in generali, di tutti coloro che si affideranno a queste due strutture”.

gallera città salute

Tutti i numeri della Città della Salute e della Ricerca

I costi

Regione Lombardia è regista dell’operazione tramite la società in-house Infrastrutture Lombarde SpA, con il ruolo di stazione appaltante, ed è anche il maggior finanziatore del progetto, con una quota di 328 milioni di euro, cui il Ministero ha aggiunto un finanziamento da 40 milioni. Insieme, i due contributi rappresentano l’82% del valore complessivo del progetto, pari a 450 milioni di euro.

I dati della ricerca e dell’assistenza

L’Istituto Nazionale dei Tumori, nel 2018, ha condotto 667 studi clinici, di cui 231 osservazionali e 436 sperimentali, e ha pubblicato 722 studi. Nel portfolio INT vi sono inoltre 10 brevetti e ben 5 sono i Registri di Patologia Istituzionali. Dal punto di vista dell’assistenza, l’Istituto ha gestito 18.049 ricoveri (di cui 4.250 in day hospital) oltre 1.238.000 le visite ed esami a livello ambulatoriale (fonte: INT).

Il Besta

L’Istituto Neurologico Carlo Besta, nel 2018, ha totalizzato 318 pubblicazioni scientifiche, mentre l’anno precedente aveva attivi 158 trial, per un totale di 2.615 pazienti arruolati. Riguardo agli aspetti sanitari, nel 2018 l’Istituto ha contato 5.734 ricoveri, 244.389 prestazioni ambulatoriali e 2.464 macroattività ambulatoriali e complesse (MAC) (fonte: INCB).

Innovatori

Insieme, i due istituiti diventeranno innovatori ancora più di primo piano sullo scenario internazionale, con oltre 800 fra studi e trial e più di mille pubblicazioni scientifiche all’attivo, con benefici tangibili per i cittadini anche nell’ambito della cura: quasi 24.000 ricoveri e un milione e mezzo di esami e prestazioni ambulatoriali, gestiti da circa 3.000 persone (fonte: Regione Lombardia), tra medici e personale sanitario, amministrativi e tecnici, al servizio dei cittadini ogni giorno.

I numeri

Il nuovo polo avrà 660 posti letto, oltre a 50 destinati all’albergo sanitario, 20 sale operatorie, 42 laboratori 119 ambulatori.

Le tempistiche

La firma di oggi rappresenta l’ultimo miglio del percorso. Ad aprile 2020 verrà consegnato il nuovo progetto definitivo di Fase 1 e, in parallelo, verrà avviata la procedura di Verifica di Impatto Ambientale (VIA). A settembre il progetto verrà confermato, recependo le modifiche richieste dalle Fondazioni a seguito delle innovazioni normative e sanitarie, e, a ottobre, verrà indetta la Conferenza dei Servizi. A maggio 2021 verrà consegnato il progetto esecutivo e a luglio partiranno i lavori. La durata prevista è di 3 anni, con consegna nel 2024.

str