‘La Montagna echeggia in città’, Sertori: autonomia obiettivo inderogabile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“Una giornata dove la montagna si svela, con i suoi personaggi, gli imprenditori e racconta la forza di chi è nato in un paesino lontano ed è riuscito a farsi conoscere in Italia e nel mondo.  La montagna è caratterizzata da un forte senso identitario, da un particolare richiamo alle origini.  Anche chi ha fatto strada lontano torna alle origini, per dimostrare cosa sa fare”.  Così Massimo Sertori, assessore alla Montagna e Enti locali, è intervenuto nel corso dell’evento ‘La montagna echeggia in città‘, in programma in piazza Città di Lombardia. La giornata è animata con incontri, attività sportive, stand e una ‘pizzoccherata‘ per valorizzare la montagna della Lombardia.

Gli appuntamenti sono in programma sino alle 20 con eventi che coinvolgono addetti ai lavori, appassionati, artigiani e produttori.  Presenti anche vari stand turistici ed enogastronomici. Disponibile inoltre una parete di arrampicata per bambini e adulti, sotto la supervisione delle Guide Alpine.

‘La montana echeggia in città’, vetrina per chi ha qualcosa da raccontare

“Questo evento – ha aggiunto l’assessore – è dedicato non tanto agli interventi e agli stanziamenti di Regione Lombardia, che ha fatto tanto per evitare lo spopolamento e sostenere le comunità, ma più per spiegare come i cittadini della montagna riescono a farsi valere e a dimostrare le loro capacità”.
“Un modello che può essere replicato con forte determinazione anche in contesti differenti. Produttori e artigiani spiegano a chi visita gli stand come hanno fatto a crescere e lavorare. Enogastronomia, prodotti locali e tipicità dei territori montani: in diversi casi da una attività povera si è passati a una ricetta straordinaria, come è stato ad esempio per i pizzoccheri ormai conosciuti in tutto il mondo”.

Risorse necessarie per pareggiare maggiori costi

“Chi lavora in montagna – ha osservato, in conclusione, Sertori – ha un costo di servizi superiore a quello della città e ha bisogno di misure specifiche. La montagna è emblema dell’autonomia, non si possono applicare misure standard su territori così specifici. Ha bisogno di utilizzare in loco le risorse. Ma non si tratta egoismo: è piuttosto ciò che ci consente di pareggiare, perequare quei costi maggiori che la montagna inevitabilmente ha. Quella stessa montagna, così fragile, che piace tanto a chi arriva dalla città, che deve permettere a chi lì è nato di poter vivere con un livello di servizi adeguato per tutti”.
Ottimizzato per il web da:
Emanuele Vertemati

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

intesa quadro regione città metropolitana
Regione Lombardia e Città Metropolitana di Milano hanno condiviso, nella giornata di mer ...
il becco dossena messa in sicurezza
Regione Lombardia ha stanziato 100.000 euro per la messa in sicurezza dell’area del punto panoramico
bando illumina lombardia dotazione finanziaria
Altri 2,5 milioni di euro per aumentare la dotazione finanziaria del Bando Illumina della Lombardia che asseg ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima