Neuropsichiatria infantile Niguarda, Moratti: un servizio d’avanguardia

neuropsichiatria niguarda milano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

La vicepresidente ha visitato la struttura di via Ippocrate

“Una punto di riferimento d’avanguardia che garantisce un servizio importantissimo e, per certi versi, indispensabile”. Così la vicepresidente e assessore regionale al Welfare, Letizia Moratti, definisce la struttura territoriale di Neuropsichiatria infantile di Niguarda che trova spazio a Milano, in via Ippocrate. La vicepresidente ha fatto visita, nel pomeriggio del 6 luglio, alla realtà che si occupa dello sviluppo neuropsichico, fisiologico e patologico, del bambino e dell’adolescente. Dove si trattano disturbi del linguaggio e dell’apprendimento, della coordinazione motoria, ritardi mentali, autismo, disturbi neuropsicologici e psichiatrici.

La vita quotidiana

neuropsichiatria infantile niguarda

“Tutte tematiche che, purtroppo – prosegue Letizia Moratti – oltre a condizionare la vita di chi ne soffre, rendono infatti complicata la quotidianità di intere famiglie che convivono con questi pazienti. Per questo, l’impegno e l’attenzione della Regione Lombardia è quindi costante”.

Le attività a Niguarda

A Niguarda le attività rivolte a queste patologie si articolano tra il polo ospedaliero e le strutture territoriali di via Cherasco e, appunto, via Ippocrate.

Senza dimenticare il Centro di Riabilitazione equestre ‘Vittorio di Capua’, attivo dal 1981. Che è l’unica realtà nazionale all’interno di una struttura ospedaliera. E che si occupa di Terapie Assistite con gli Animali (TAA). Nello specifico con il cavallo.

Presa in carico nelle sedi territoriali

neuropsichiatria infantile niguarda

“Nelle sedi territoriali – aggiunge la vicepresidente – si attua infatti la presa in carico di condizioni cliniche associate a patologie del sistema nervoso, congenite e acquisite a esordio nell’infanzia, nonché dei disturbi del neurosviluppo e di quelli correlati a psicopatologia in età preadolescenziale e adolescenziale”.

I percorsi clinici

“I percorsi clinici – conclude Letizia Moratti – prevedono setting diagnostici e terapeutici multiprofessionali in regime ambulatoriale, con strumenti standardizzati in continuo aggiornamento”.

Al percorso di diagnosi e cura di queste strutture partecipano: medici specialisti in neuropsichiatria infantile, psicologi dell’età evolutiva, psicoterapeuti, professionisti sanitari della riabilitazione (fisioterapisti, terapisti della neuro psicomotricità dell’età evolutiva, logopedisti, educatori professionali).

gal

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

milano nuovo policlinico
"Il nuovo Ospedale Policlinico è un'opera moderna, all'avanguardia e fondamentale per Milano e per i milanesi, che verrà realizzata anche grazie all'importante contributo economico di 30 milioni ...
aids giornata mondiale lombardia
“Giornate come questa sono fondamentali per mantenere alta l’attenzione su un’emergenza di salute globale sulla quale l’informazione, la prevenzione e lo < ...
Inaugurazione ospedale Comunità San Giovanni Bianco
Inaugurato l'Ospedale di Comunità di San Giovanni Bianco, il primo in provincia di Bergamo. I primi dieci posti letto entreranno in funzione dal 12 dicembre. Ulteriori 10 posti letto verran ...
Casa Comunità Olgiate Comasco
È stata inaugurata nella sede di piazza Italia la Casa di Comunità di Olgiate Comasco (CO). Presenti
bertolaso ats milano
L'assessore oggi alla presentazione del progetto di Ats Città metropolitana di Milano 'Ciao Milano, dimmi come stai!' "Avere la fotografia della situazione dello stato di salute delle per ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima