Oltrepò Pavese. Giunta regionale approva taglio delle rese

oltrepò pavese vigneti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Assessore: salto di qualità necessario per tutto il territorio

La Regione Lombardia ha approvato la delibera con cui si prevede di regolamentare la raccolta delle uve provenienti da vitigni di Pinot nero e di Pinot grigio idonei a produrre IGT Provincia di Pavia, mediante la riduzione di resa massima di uva per ettaro.

La resa massima

In riferimento ai prodotti provenienti dalla vendemmia 2022 è stabilito che la resa massima di uva per ettaro sia ridefinita pari a: 17 tonnellate ad ettaro di vigneto di Pinot nero, idoneo alla rivendicazione della tipologia di vino IGT Provincia di Pavia con specificazione di vitigno Pinot nero; 17 tonnellate ad ettaro di vigneto di Pinot grigio, idoneo alla rivendicazione della tipologia di vino IGT Provincia di Pavia con specificazione di vitigno Pinot grigio.

Provvedimento atteso da mesi

“Un provvedimento atteso da mesi. Serve un salto di qualità – ha dichiarato l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi – per rilanciare uno dei territori vitivinicoli più belli d’Italia. Che ha infatti un potenziale enorme sotto il profilo enoturistico. Qualità e ricettività devono essere due delle parole chiave per il futuro dell’Oltrepò”.

Dialogo con il consorzio

“Il dialogo con il consorzio – ha aggiunto – è costante. In questi anni abbiamo fatto un lavoro congiunto che sta portando a risultati concreti. Progetti di enoturismo, il rinnovo del Consorzio stesso, il progetto Riccagioia che proiettano quindi questa zona come un epicentro dell’agricoltura italiana 4.0″.

Giusto valore

“Vogliamo che le bottiglie dell’Oltrepò – ha proseguito – abbiano il giusto valore. Sia quindi per la redditività degli agricoltori che per le ricadute in termini di immagine su un intero territorio vitivinicolo, dove viene prodotto il 40% del vino lombardo”. “Occorre quindi una visione unica tra enti istituzionali e mondo produttivo. La Regione c’è – ha concluso – e in Oltrepò continuerà infatti a essere vicina alle istanze territoriali”.

Provvedimento al Ministero

Il provvedimento sulle rese dell’Oltrepò Pavese è stato trasmesso al Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Nonchè all’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) – Ufficio di Milano, all’organismo di controllo Valoritalia, al Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese e alle Organizzazioni di categoria che hanno approvato la proposta di riduzione delle rese.

gus

0
Visualizzazioni di questo articolo

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

agricoltura stato calamità valcamonica oltrepò
La Regione Lombardia ha chiesto lo stato di calamità naturale per i danni registrati alle strutt ...
pest suina barriera cinghiali
Assessore: lavoro di squadra per scongiurare disastro economico Una barriera frutto del lavoro di squadra in Lombardia contro la peste suina per scongiurare il disastro economico legato al ...
drone nelle coltivazioni
Esito molto positivo per la prova sul campo di un drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari nelle coltivazioni della Lombardia eseguita nell'oliveto dell'azienda ...
appello filiera cerealicola
Assessore: aumentare produzione nazionale per tutelare approvvigionamento e Dop La Regione Lombardia condivide l'appello delle organizzazioni della filiera cerealicola, zootecnica ed alime ...
lombardia droni in olivicoltura
Prova a Desenzano del Garda (Bs) con assessore all'Agricoltura e Aipol Novità in Lombardia, prima Regione a sperimentare i droni nelle coltivaz ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima