Coronavirus, ospedale Fiera Milano. Quasi pronto progetto definitivo

ospedale Fiera Milano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Caparini: le donazioni aumentano, raggiunta quota 14.631.000 euro. Generosità della gente permetterà la realizzazione della struttura

Caparini: donazioni aumentano, raggiunti 14.631.000 euro

Ospedale Fiera Milano. “Il progetto dell’hub per le terapie intensive in Fiera Milano da temporaneo è evoluto in una struttura che avrà la dotazione necessaria per offrire assistenza che coprirà il lasso di tempo necessario per sconfiggere il coronavirus”. Lo ha sottolineato l’assessore al Bilancio, Finanza e Semplificazione Davide Caparini, intervenuto alla diretta Facebook sugli aggiornamenti coronavirus trasmessa dalla pagina di Lombardia Notizie online. “Entro domani – ha chiarito Caparini – sarà elaborato il progetto definitivo. Con la validazione dei tecnici si darà il via al ‘giorno zero’, dal quale inizierà il count-down al termine del quale il primo paziente potrà entrare in terapia intensiva”.

Generosità della gente permetterà costruzione ospedale Fiera Milano

L’assessore Caparini ha anche espresso grande apprezzamento per le donazioni che “stanno aumentando in modo commovente: tantissimi lombardi e italiani, ma anche benefattori di ogni parte del mondo che donano da 100 euro fino a milioni per aiutarci a realizzare l’ospedale in Fiera e fare tutto ciò che serve per offrire assistenza ai nostri malati. Aspettiamo la fine dell’emergenza – ha proseguito – per poterli abbracciare”. Ad oggi le donazioni ammontano a 14.631.000 euro. “Queste risorse serviranno – ha precisato Caparini – anche per l’acquisto di dotazioni e strumentazioni. Non solo donazioni in denaro ma anche beni di prima necessità per proteggere medici e infermieri in corsia e per il  personale che deve fronteggiare l’emergenza”.

Prosegue ricerca internazionale per macchinari per terapie intensive

“Continua intanto la ‘corsa internazionale’ – ha aggiunto l’assessore regionale Davide Caparini – per procurarci i ventilatori. Sono i veri e propri cuori pulsanti per la costruzione di posti per la terapia intensiva”. L’assessore ha poi voluto ringraziare anche le case farmaceutiche, tra le quali si segnalano la Roche e la Recordati. Queste hanno deciso di donare farmaci per le cure ai nostri malati.

ben

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Consigliati per te

Thailandia interscambi
Nuova importante giornata di incontri istituzionali nell'ambito della missione in Thailandia del presidente della ...
treno idrogeno
Presentato oggi a Milano il primo treno a idrogeno d'Italia. Entrerà in servizio commerciale in Valcamonica tra la fine del 2024 e l’inizio del 2025, lungo la linea non elettrificata Bre ...
rinaturazione Po
Il progetto di rinaturazione del fiume Po, finanziabile con i fondi del PNRR, non si può realizzare ...
pedemontana progetto tratta D
Parere favorevole, da parte della Giunta lombarda, alla delibera proposta dall'assessor ...

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima