Passante ferroviario di Milano, da sabato 24/9 si ripristinano le linee

Passante ferroviario di Milano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Sabato 24 settembre e lunedì 26 settembre le date di riattivazione

L’emergenza sta per finire e la circolazione ferroviaria nel passante ferroviario di Milano riprende regolarmente. Dopo la riapertura parziale del servizio avvenuta il 29 agosto scorso, con la riattivazione delle linee S1 Saronno-Milano-Lodi, S5 Varese-Milano-Treviglio e S13 Milano Bovisa-Pavia, anche le linee S2 ed S6 riprenderanno a circolare.
In particolare, da sabato 24 settembre sarà regolare il servizio della linea S6 tra Novara e Pioltello, che da luglio ha circolato solo fra Novara e Milano Porta Garibaldi Superficie. Da lunedì 26 la linea S2, che da Mariano Comense è stata limitata a Milano Bovisa, tornerà a raggiungere Milano Rogoredo.

Gli interventi sull’infrastruttura e sugli ingrassatori delle rotaie

“I consumi anomali che avevano causato la sospensione del servizio – sottolinea l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile – sono rientrati nei limiti. Dopo gli interventi sull’infrastruttura e sugli ingrassatori delle rotaie possiamo dire che l’emergenza è superata”. “Ovviamente – aggiunge – siamo consapevoli dei disservizi causati dalla chiusura del passante, ma le continue interlocuzioni fra Trenord e Rfi hanno consentito di riaprire le linee in tempo per la ripresa a pieno regime del pendolarismo autunnale”.

L’investimento da 2 miliardi per il rinnovo della flotta

Prosegue anche l’azione di rinnovamento della flotta dei treni finanziata da Regione Lombardia con 2 miliardi di euro. “Per il servizio ferroviario, – prosegue l’assessore regionale – Regione ha investito risorse importanti e 69 dei 222 nuovi treni sono già in servizio”.
“L’arrivo dei nuovi treni – conclude – permetterà di accantonare vecchi convogli e rinnovare il servizio. Senza l’investimento regionale deciso a partire dal 2017, oggi la Lombardia non avrebbe treni sufficienti per garantire l’offerta e rispondere alla domanda. L’obiettivo è infatti quello di garantire la regolarità e la puntualità del servizio e migliorarla su quelle linee dove le infrastrutture sono obsolete. Immettere sulla rete nuovi convogli significa diminuire i disagi per gli utenti derivanti appunto dalla vetustà del materiale rotabile. In Lombardia lavoratori, studenti e pendolari richiedono infrastrutture efficienti e costantemente monitorate”.
Ottimizzato per il web da:
Andrea Filisetti

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

valtellina passaggi a livello
Prosegue l'iter per la realizzazione di opere alternative ai passaggi a livello in Valtellina. La Giunta di Regione Lombardia ha espresso parere favorevole su diversi interventi. Le delibere sono s ...
presidio pendolari
"Scendere in piazza sventolando la tessera di un partito non è certo la strada giusta. Un presidio, quello della sera del 18 novembre, che parla da solo: uno spot elettorale vero e proprio. La dim ...
ferrovie lombardia nuovi treni
Ferrovie Lombardia: sono in arrivo 3 nuovi treni che andranno a potenziare le linee del cremonese, del mantovano e del bresciano. Prosegue infatti l'immissi ...
treni ferrovienord
Aumentano le risorse per la riqualificazione, il potenziamento e la gestione della rete ferroviaria di Ferrovienord. La Giunta ...
piano lombardia via libera infrastrutture
Il governatore: sosteniamo concretamente i territori Infrastrutture, via libera a nuovi interventi finanziati col
Terzi Sala Tpl
L'assessore Claudia Terzi replica al sindaco di Milano Giuseppe Sala sul tema Tpl. “È imbarazzante l’ennesimo tentativo di Sala di scaricare i problemi del suo Comune su chiun ...
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima