Lombardia Notizie / Agricoltura, sovranità alimentare e foreste

Peste Suina. Beduschi: al via sulla A4 i lavori per barriera anti cinghiali

peste suina barriera a4

In continuità con il tratto autostradale, servirà a proteggere dalla diffusione del virus verso i territori alpini

Sono iniziati nel territorio del Comune di Bernate Ticino (Milano), lungo la A4, i lavori per la realizzazione di una barriera di contenimento al passaggio dei cinghiali, nell’ambito delle iniziative di contrasto alla PSA – Peste Suina Africana. Lo annuncia l’assessore della Regione Lombardia all’Agricoltura, Sovranità alimentare e Foreste, Alessandro Beduschi.

Un cantiere da venti giorni

“I lavori – dichiara l’assessore Beduschi – dureranno circa venti giorni. Serviranno a costruire una barriera di circa un chilometro e mezzo, per evitare il passaggio dei cinghiali e l’eventuale diffusione della malattia nei territori alpini e anche verso paesi terzi come la Svizzera. La continuità di questa protezione sarà quindi assicurata anche attraverso il tratto ovest. Con un’iniziativa simile a carico della Regione Piemonte”.

Barriera sull’A4 anti Peste Suina Africana

La barriera fisica di biocontenimento è stata individuata nel territorio della Città Metropolitana di Milano. È costituita dal tratto lombardo dell’autostrada A4. Un territorio da rinforzare attraverso la chiusura di eventuali aperture e varchi, ove possibile. E, inoltre, integrata con una nuova recinzione ove necessario. Prioritariamente nel Comune di Bernate Ticino.

Altre opere lungo A1 e A51

“Oltre a questo primo intervento finanziato con oltre 140.000 euro da Regione Lombardia, tramite ATS Città Metropolitana e coordinato dal Dipartimento Veterinario, in stretta collaborazione con la UO Veterinaria – prosegue – sono in corso le procedure per la realizzazione di opere simili nelle zone di restrizione, lungo la A1 e la A51, nei territori lodigiano e cremonese. Questa volta a protezione della zona padana, dove si concentra infatti il più alto numero di allevamenti suini”.

Avanti con tutte le azioni di contrasto

“Accanto a questa iniziativa – conclude l’assessore – procedono inoltre tutte le altre azioni per contrastare il diffondersi della malattia, a partire dalle attività di contenimento dei cinghiali e dalle attività di sorveglianza passiva, in tutto il territorio regionale. Con particolare attenzione alla provincia di Cremona”.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima