Treni, Terzi: presidio dei pendolari? Tutto il sapore di spot elettorale

presidio pendolari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

“Scendere in piazza sventolando la tessera di un partito non è certo la strada giusta. Un presidio, quello della sera del 18 novembre, che parla da solo: uno spot elettorale vero e proprio. La dimostrazione che si vuole buttare in bagarre una questione complessa come il servizio ferroviario regionale e che certi movimenti di pendolari sono più che un altro un’emanazione politica che vuole ergersi a rappresentanza di tutti i viaggiatori lombardi”. Così Claudia Maria Terzi, assessore di Regione Lombardia alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, commenta il presidio dei pendolari sotto Palazzo Lombardia, al quale hanno preso parte consiglieri regionali del PD e del Movimento 5 Stelle, oltre al ‘fresco’ candidato del centrosinistra per le elezioni regionali, Pierfrancesco Majorino.

Campagna elettorale ed esigenze del sistema

“Non confondiamo la campagna elettorale – prosegue Terzi – con esigenze di un sistema complesso che poggia su un’offerta senza pari in Italia. Parliamo di oltre 2.180 corse al giorno e 700.000 passeggeri, ma che deve fare i conti con un’infrastruttura vecchia, inadeguata e satura. Che spesso causa di ritardi e soppressioni a catena come quelli che hanno causato disagi sulla linea Milano-Arona-Domodossola“.

Non poche le firme portate al presidio dei pendolari

“Certo – aggiunge l’assessore – le firme della petizione non sono poche e ne terremo conto anche se occorre contestualizzarle. Ben 25.000 di queste, infatti, sono state infatti raccolte durante le settimane del blocco del passante ferroviario. Quando i disagi erano sotto gli occhi di tutti”.

Dalla Lombardia risorse concrete per i trasporti

“Da parte nostra – conclude l’assessore – continuiamo a mettere in campo risorse concrete per il miglioramento del servizio a cominciare dal rinnovo della flotta: 2 miliardi di euro per l’acquisto di treni nuovi, in totale 222, per sostituire da qui al 2025 le vecchie carrozze lasciate da Trenitalia in eredità al servizio regionale. Allora non è forse il caso che i pendolari alzino la voce con chi deve intervenire per dare alla in Lombardia un’infrastruttura ferroviaria adeguata al servizio e che possa dire addio ai binari unici che tanto rallentano la circolazione dei nostri treni?”.

red

Ottimizzato per il web da:
Moreno Gussoni

Iscriviti al nostro canale Telegram

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

Tangenziale Verdello
Taglio del nastro, con diverse settimane di anticipo sul cronoprogramma, per il primo lotto della Tangenziale Est di Verdello, opera cofinanziata da
banda ultra larga
Regione Lombardia prosegue l'impegno per diffondere la Banda Ultra Larga sul territorio. Sono previsti infatti ulteriori 193 milioni di euro, che si sommano ai 303 milioni già investiti in questi ...
ciclabile vailate misano
Proseguono i lavori per la realizzazione della ciclabile tra Vailate (CR) e Misano Gera d'Adda (BG), opera finanziata con oltre 420.000 dal
Manutenzione straordinaria ponti
Si aggiorna la programmazione 2021/2023 degli interventi di manutenzione straordinaria sui ponti di competenza dalle Province e ...
aumento biglietto atm
"Il Comune di Milano non rispetta i criteri di efficienza previsti dalla delibera del 2020 che prevede l’applicazione di costi standard, fabbisogni di mobilità e premialità. Questa inefficienza ...
aumento biglietto atm
La Giunta regionale, su proposta dell'assessore a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile,
Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima