Protezione civile e disabili

Approvata convenzione proposta da assessori Foroni e Locatelli

Protezione civile e disabili, via libera alla collaborazione tra Regione Lombardia e il Consorzio Erbese Servizi alla Persona di Erba (Co). Obiettivo, insegnare ai ragazzi disabili come comportarsi  nelle situazioni di emergenza, in modo da prendersi cura in prima persona della propria incolumità.

Lo ha deciso la Giunta regionale approvando lo schema di convenzione proposto dagli assessori Pietro Foroni (Territorio e Protezione civile) e Alessandra Locatelli (Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità).

Protezione civile e disabili, il progetto

Il progetto, “S.A.S. Sto Al Sicuro – La Promozione dell’autotutela e della Resilienza del Disabile nel Quotidiano, nelle Situazioni a rischio e di Protezione Civile”. L’iniziativa, biennale, servirà anche a costruire un modello territoriale a valenza regionale.

Modello che si otterrà dalle risultanze delle attività di formazione e di informazione sviluppate nel corso della prima annualità, che sarà anche di sperimentazione dell’iniziativa.

Foroni: orgogliosi di questa collaborazione con il Consorzio Erbese

“Siamo molto orgogliosi – ha detto l’assessore Foroni – di questa collaborazione con il Consorzio Erbese. Per la prima volta con Regione Lombardia, infatti, un progetto di Protezione civile mette al primo posto le persone disabili”.

“Lo fa – ha precisato Foroni – puntando sulla loro capacità di salvaguardare la propria incolumità nelle situazioni di emergenza e di calamità, con l’obiettivo di inserirle a pieno titolo nell’ambito dei vari Piani comunali di Protezione civile”.

“Si tratta – ha aggiunto Foroni – di un notevolissimo passo in avanti nella formazione e diffusione della cultura di Protezione civile. Un obiettivo ambizioso che si potrà raggiungere solo ottimizzando la comunicazione tra questi due mondi, la Protezione civile da una parte e le disabilità dall’altro.

“Da parte nostra – ha detto Foroni –  saremo felici, al termine di questa sperimentazione biennale, di proporre al ministero per le Disabilità i risultati di questo progetto, quale modello per un piano nazionale”.

Locatelli: progetto innovativo, Lombardia si distingue

“Ancora una volta la Lombardia – ha dichiarato l’assessore Locatelli – si distingue per aver messo in campo un progetto innovativo, che avvicina il mondo della Protezione civile alle persone con disabilità”.

“Importante – ha precisato Locatelli – è fornire una cultura del soccorso in cui si tenga conto delle necessità di persone non autosufficienti, con disabilità acquisita, disabilità cognitiva; che si rivolge anche ai familiari, ai loro educatori e accompagnatori”.

“Questo progetto – ha aggiunto Locatelli – punta a coinvolgere i ragazzi in un percorso di autoprotezione, implementando le capacità da mettere in campo in eventuali situazioni di pericolo”.

“L’obiettivo – ha concluso – è migliorare la qualità di vita e quella dei loro familiari, rafforzando autonomia e autostima”.

Regione contribuirà con 30mila euro, per un costo complessivo di oltre 41mila euro. Al progetto prenderanno parte indicativamente 30 persone con disabilità, 30 genitori e una ventina di accompagnatori.

L’iniziativa vedrà il coinvolgimento del Consorzio Erbese Servizi alla Persona (che rappresenta 26 Comuni dell’Ambito territoriale erbese), il Comune di Albavilla, Regione Lombardia.

Si aggiungono la Rete degli Istituti scolastici dell’Erbese, i Centri socioeducativi ‘Noi Genitori’ (Erba) e ‘Gruppo Primavera’ (Albavilla). Oltre all’Associazione La Nostra Famiglia (Bosisio Parini) e all’Ufficio scolastico provinciale.

ver