Risorse idriche, Sertori a commissario siccità: avanti con scelte univoche

risorse-idriche-interventi-lombardia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Necessaria programmazione ordinata interventi strutturali per utilizzo sempre più razionale acqua

L’assessore regionale con delega alle Risorse Idriche, Massimo Sertori, ha incontrato a Palazzo Lombardia il Commissario Nazionale per l’Emergenza Idrica, Nicola dell’Acqua, insieme ad Alessandro Bratti, segretario Generale dell’Autorità di Bacino distrettuale del fiume Po. Con l’occasione è stata approfondita sia l’attuale situazione delle riserve idriche su scala regionale sia, in prospettiva, l’attività della Cabina di regia nazionale per la crisi idrica.

“Un confronto proficuo – dichiara Sertori – in relazione alla gestione dell’acqua che vede coinvolti vari livelli istituzionali. La competenza, infatti, è regionale. Tuttavia diventa importante avere una relazione continua con l’autorità di bacino del fiume Po. Senza dimenticare il livello nazionale soprattutto in relazione agli investimenti a medio e lungo termine”.

Risorse idriche, Sertori: fondamentali interventi condivisi per utilizzo razionale acqua

“Ritengo indispensabile – continua l’assessore Sertori – una programmazione ordinata degli interventi strutturali necessari a un utilizzo sempre più razionale della risorsa idrica. Questo deve essere abbinato ad un coinvolgimento sempre maggiore e diretto da parte dei fruitori e quindi degli utilizzi plurimi dell’acqua”.

“A questo proposito – spiega – durante il confronto abbiamo portato a conoscenza l’esperienza maturata con il tavolo permanente sull’utilizzo dell’acqua istituito e coordinato da Regione Lombardia. E’ riconosciuto da tutti i partecipanti (concessionari idroelettrici, categorie agricole, consorzi di regolazione) come uno strumento efficace, operativo e molto utile”.

“Abbiamo convenuto – sottolinea – sul fatto che le regioni e le Autorità di Distretto procederanno in accordo nella definizione degli interventi prioritari a scala distrettuale. Obiettivo, contrastare, nel medio periodo, fenomeni di scarsità idrica”.

“Bene, dunque, l’incontro – conclude Sertori – durante il quale abbiamo anche condiviso un metodo di lavoro che dovrà portare ad avviare i necessari interventi per evitare quel che è accaduto nel 2022. In Lombardia la priorità è il recupero, ripristino o l’incremento della capacità di invaso dei grandi laghi regolati. Le risorse idriche sono fondamentali per il soddisfacimento delle necessità irrigue della pianura lombarda. Il risvolto positivo a scala distrettuale, è la garanzia di adeguati deflussi nell’asta del fiume Po”.

 

Ottimizzato per il web da:
Emanuele Vertemati

Iscriviti ai nostri canali di messaggistica

Condividi questo articolo sui tuoi profili social

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Consigliati per te

bando illumina lombardia dotazione finanziaria
Altri 2,5 milioni di euro per aumentare la dotazione finanziaria del Bando Illumina della Lombardia che asseg ...
patto sviluppo valsassina lombardia
Regione Lombardia aderisce alla proposta di patto territoriale presentata dal soggetto capofila, C ...
agroalimentare lombardia
Agroalimentare, Lombardia protagonista, e primo settore manifatturiero in Italia per valore aggiunto. Oltre 66 miliardi di euro, più della produzione di macchinari e apparecchiatu ...
depurazione acque accordo lombardia
La Giunta regionale lombarda, su proposta dell'assessore a Enti locali, Montagna e Utilizzo Risorsa idrica, ha approvato il testo dell'addendum all'Accordo di Programma tra

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Pierfrancesco Gallizzi - Reg. Trib. di Milano n° 14772/2019 del 7 novembre 2019

© Copyright Regione Lombardia tutti i diritti riservati - C.F. 80050050154 - Piazza Città di Lombardia 1 - 20124 Milano

Sei un giornalista?

Richiedi l’iscrizione al nostro canale Telegram privato per ricevere tutte le notizie in anteprima